Il gruppo Facebook del CIM supera quota 1000!

Facebook-Buttons-1-10-

Il gruppo Facebook del Coordinamento Italiano Motociclisti ha superato quota 1000!

Grazie alla collaborazione degli altri iscritti, siamo riusciti ad avere 1000 iscritti al gruppo. Avere un elevato numero di iscritti al gruppo e sulla pagina Facebook non è un obiettivo fine a se stesso. Gli iscritti nel gruppo ricevono gli aggiornamenti dal gruppo e dalla pagina, e possono così restare informati in tempo reale sulle attività e sulle novità del CIM.

Condividete anche voi le pagine di Facebook, un aiuto a diffondere le attività che il CIM sta portando avanti, perché la tutela dei diritti dei motociclisti la si può ottenere solo con il coinvolgimento del maggior numero possibile di motociclisti.

Attualmente i motociclisti hanno diritti che non sono rispettati, questo avviene in molti ambiti. Questo impatta su di loro in moltissime maniere, primariamente sul versante economico, con costi delle polizze assicurative esagerati, costi sui pedaggi autostradale equiparati alle autovetture, altri costi di pedaggi dove siamo sempre equiparati alle autovetture.

Non siamo però equiparati quando si tratta di proporre occasioni di risparmio, come per il car pooling, quando per migliorare la situazione del traffico si agevolano solo le autovetture con quattro persone a bordo mentre si fa finta di nulla sul fatto che un motoveicolo occupa meno spazio di un quarto di un SUV, ma paga per intero.

Poi si aggiungono limiti alla libertà personale di circolazione, dove vengono messi divieti solo per i motoveicoli, zone a traffico limitato fatte per ridurre il traffico nelle zone centrali delle città, e invece di apprezzare chi decide di usare un motoveicolo si preferisce fargli pagare un diritto di accesso come per le auto.

I diritti nella sicurezza della circolazione stradale, quando lo Stato sa solo pensare a soluzioni come l'uso di abbigliamento obbligatorio, mentre fa orecchie da mercante sulla manutenzione delle strade e sugli adeguamenti dei guard rail verso soluzioni meno pericolose per i motociclisti.

Solo con la collaborazione di tutti i motociclisti si potranno avere dei risultati, e il primo passo è quello di rendersi visibili verso il maggior numero di loro: contiamo sul vostro aiuto per questa prima fase!