Se sei bello ti tirano le pietre… se sei brutto, ti tirano di tutto..

OliOSullaStrada

Chi ha i capelli grigi (o non li ha più del tutto) si ricorda la mitica canzone di Sanremo cantata da Antoine su testo di Gian Pieretti e musica di Ricky Gianco, era il 1967, ma tirare le cose alla gente è uno sport che è rimasto tale nei secoli.

E se vai in moto ti tirano l'olio?  Parrebbe proprio di sì… ed è questa la segnalazione che hanno ricevuto i Vigili del Fuoco di competenza per il Passo di San Boldo un valico che mette in comunicazione i due versanti delle prealpi Bellunesi, cioè la Valmareno e la Valbelluna.

Tre ore di lavoro degli stessi Vigili del Fuoco per rimuovere dai tornanti del passo l'olio che è stato ampiamente versato dai teppisti (per ora ignoti) poche ore dopo il transito di una manifestazione ciclistica e delle tante moto che come ogni domenica passano incessantemente.

A dare l’allarme due automobilisti che hanno rischiato di brutto: aperte le indagini, si ipotizza unn incidente o più probabilmente un atto volontario. 

La macchia d’olio si estendeva sui tornanti, nelle gallerie, ma anche nei tratti rettilinei rendendo rischiosissimo il transito alle auto, ma soprattutto alle tantissime moto che in tutti i fine settimana frequentano il valico che mette in comunicazione i due versanti delle prealpi Bellunesi, 

In zona, secondo i residenti, era anche prevista una gita in bicicletta:  ecco perché l’intervento dei pompieri avvenuto all'alba.

Giunti sul posto anche vigili urbani e polizia stradale che hanno iniziato ad indagare sulle cause visto che solitamente in quel punto i mezzi non arrivano così pieni di carburante da accusare perdite e con l’impianto frenante in panne rischierebbero troppo. 

Di qui l’ipotesi di un inquinamento volontario, fatto forse per mettere in difficoltà i motociclisti (mettendone scelleratamente a rischio la vita) imponendo loro di cambiare strada. 

Sul posto, per tutto il giorno, cartelli ad invitare tutti a procedere a passo d’uomo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo." target="_blank">Coordinamento Italiano Motociclisti
Ufficio Comunicazione