Un questione di pelle o di selle?

Selle

Diciamo che vi sono motociclisti che trovano il contatto con la pelle (o quello che è) della sella un rapporto difficile e cercano quel comfort che a volte è una chimera. Qualcuno sostiene che è la "pelle" del fondoschiena del motociclista che deve adattarsi alla sella, e qualcun'altro invece ritiene che debba avvenire esattamente il contrario.

Certamente non è sempre la percorrenza a determinare l'esigenza specifica di questa richiesta: a volte sono precisi problemi fisici che spingono il motociclista a trovare soluzioni alternative alla semplice sella offerta dalla casa costruttrice del proprio mezzo.

Altre volte il motociclista in questione è un mangiachilometri da record e quindi il rapporto con la propria sella è quasi da malati, insomma potrebbe essere la "pelle" del lettino dello psichiatra la prossima con cui fare i conti.

Qualunque sia la spinta che ci attiva a cercare una soluzione, sono tante le proposte nel merito, a volte decisamente costose: in linea di massima si ricorre alla trasformazione della sella originaria con una modifica che introduca quello che viene definito un "gel" che ha la particolarità di conformarsi nel modo più anatomico possibile alla delicata parte  in questione.

Vi sono ditte specializzate che possono quindi provvedere a soddisfare la vostra richiesta, sicuramente con costi di un certo peso.

In realtà il materiale in questione è costituito da lastre in gel di poliuretano che si possono reperire in commercio, ma a quel punto vi tocca un discreto lavoro da "hobbista" ed un minimo di attrezzatura (una smerigliatrice ed una graffettatrice manuale o pneumatica).

In questo caso il risparmio è garantito ma prima di cimentarvi in quest'impresa cercate di accertarvi di essere in grado di riconfezionare la copertura come previsto, pena il rischio di dove sostituire la sella originale "rubando" provvisoriamente l'asse del ferro da stiro del vostro partner!

Almeno fino alla prima azienda specializzata del settore!

Se siete sempre dell'idea del "fai da te",  qui le istruzioni del caso

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo." target="_blank">Coordinamento Italiano Motociclisti
Ufficio Comunicazione