Anche il tagliando assicurativo si evolve!

TagliandoElettr

Per risolvere il problema delle frodi alle assicurazioni (tagliando contraffatto) una delle proposte è stata quella del cosiddetto tagliando elettronico. La società che ha elaborato la prima "black box" che è predisposta alla lettura dei tagliandi assicurativi dematerializzati informa che il Consiglio di Stato ha dato parere positivo all'introduzione di tale dispositivo nel nostro Paese.

Senza bisogno di installazioni, Keeper, la scatola nera ideata da TSEM Automotive Srl, è dotata non solo di un innovativo sistema per la prevenzione degli incidenti stradali, ma ha anche integrato il sistema per le chiamate d'emergenza automatiche e per la misurazione del tasso alcolemico. 

Ed il tutto a fronte di un monitoraggio complessivo dei parametri che risulta essere in linea con quella che è in Italia la legislazione vigente. 

L'introduzione del tagliando assicurativo elettronico è fondamentale in quanto in questo modo si può contrastare al meglio il grave fenomeno dei tagliandi assicurativi cartacei Rc auto che sono contraffatti.

Quella delle truffe è una questione tuttora irrisolta nel nostro paese, dove gli automobilisti onesti si trovano costretti a pagare premi assicurativi eccessivi a causa del diffuso malcostume. 

L’Isvap ha ravvisato, solo nel 2010, ben tre milioni di casi di frode; le regioni del sud sono le più colpite e, di conseguenza, sono quelle che mettono maggiormente in difficoltà i cittadini in termini di tariffe RC Auto, con premi anche triplicati rispetto alle altre zone d’Italia.

Il tagliando auto on line dovrebbe entrare in funzione entro i prossimi due anni, insieme alle altre innovazioni contenute nel decreto antifrode. 

Esso prevede anche pene molto aspre per chi tenti di danneggiare o falsificare i dati contenuti negli archivi digitali, oltre ad aumentare le sanzioni per i periti che eseguono false stime dei danni provocati da un incidente.

Il passaggio al digitale non sarà un processo facile e istantaneo, ma potrebbe realmente modificare in senso positivo le prospettive del settore assicurativo, sia dal punto di vista degli assicurati che da quello delle compagnie.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo." target="_blank">Coordinamento Italiano Motociclisti
Ufficio Comunicazione