Dom25082019

Aggiornamento:Lun, 29 Lug 2019 9pm

Back Sei qui: Home Notizie Notizie motociclistiche Assicurazioni Rincari folli delle assicurazioni moto in Italia!

Rincari folli delle assicurazioni moto in Italia!

AssicurazioniCare

In 18 anni gli aumenti per l'rc auto sono stato del 245%, per le polizze moto: +480%.Dal 1994 al 2012, le tariffe delle polizze obbligatorie Rc Auto hanno raggiunto aumenti del 245% per le auto e fino al 480% per le due ruote. Sono i calcoli di Adusbef-Federconsumatori che rimarcano come la spirale dei rialzi abbia fatto salire a 4,5 milioni i veicoli non assicurati

"In Italia - affermano le associazioni dei consumatori - la Rc Auto si mangia il 6,5% dello stipendio, il doppio della media Ocse e il triplo dell'Inghilterra".

Prima della liberalizzazione tariffaria del 1994, sotto il regime dei ''prezzi amministrati'' - si spiega nel rapporto - gli assicurati pagavano in media 700.000 lire, il controvalore di 391 euro, per assicurare un'auto di media cilindrata fino a 1.800 cc. 

Dodici anni dopo, nel 2006, il costo medio della stessa polizza per un auto di fascia media (non contando le punte estreme come la Campania) e' lievitato a 868 euro, con un rincaro del 122%, per passare a 1.350 euro nel 2012, a differenza di altri Paesi UE, Francia, Spagna, Germania, con aumenti che non hanno mai superato la soglia dell'87%.

I costi medi delle tariffe RC Auto in 18 anni, sono più che raddoppiati passando da 391 euro del 1994 a 1.350 euro nel 2012 ed ulteriori rincari di 35 euro stimati nel 2013, con una incidenza di valore di +1.385 euro ed una percentuale superiore al 250%.

Ancora peggiore la situazione delle polizze obbligatorie per assicurare moto e motorini sotto i 150 cc di cilindrata, con rincari superiori al 400%

I costi medi sono passati da 98-121 euro (minimo e massimo) del 1994, a 490-530 euro (minimo e massimo nel 2008), e con costi RC moto che hanno subito l'impennata del 480% nel 2012 fino a 670 euro.

''Il caro Rc auto - conclude il rapporto - e' responsabile dell'aumento dei veicoli non assicurati, alla soglia di 4,5 milioni, un pericolo per l'incolumità propria e dei terzi trasportati e danneggiati, che non sempre vengono risarciti dal Fondo Vittime della Strada''.

La domanda che ci poniamo è se la "disattenzione" del Governo su questi temi, nonostante l'allarme lanciato anche dall'Antitrust, non stia ad indicare una insensibilità viziata, come dire una certa distrazione non proprio casuale.

A pensare male…

Coordinamento Italiano Motociclisti
Ufficio Comunicazione

Condividi la notizia

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Statistiche del sito

Statistiche dal 13/05/2012

 

histats