Piacenza, motociclista si toglie la vita dopo aver causato incidente

PattugliaStradale

A Piacenza un uomo di 59 anni, accusato di aver investito una donna con la sua moto e di essere poi fuggito, si è ucciso con un colpo di fucile: in un biglietto: "Non mi sono accorto di aver causato l'incidente".

Secondo l'Osservatorio de il "Centauro dell'ASAPS" nel 2013 sono già 5 i suicidi e 3 i tentavi di suicidio post incidente o a seguito di contravvenzione stradale.

Gianmario Scarpioni, presunto pirata della strada, ha deciso di finire la sua vita sparandosi un colpo di fucile alla testa: era sospettato di aver investito con la sua moto, una Harley Davidson di colore scuro, una donna a Barriera Genova, nel centro storico di Piacenza

La signora, 51 anni, è stata travolta lunedì sera mentre stava attraversando la strada. 

L'uomo, un piacentino di 59 anni, non si è fermato a prestare soccorso: il tragico epilogo mercoledì pomeriggio nella casa dell'uomo. 

I vigili urbani, che avevano avuto da un testimone parte dei numeri di targa della moto che ha urtato la donna, si erano recati in mattinata nella stessa abitazione, alla ricerca del sospettato per chiedere spiegazioni sull'incidente. 

E lì hanno trovato il cadavere: l'uomo ha lasciato un biglietto in cui sostiene di non essersi accorto di aver causato l'incidente. 

La persona investita ha riportato vari traumi ed è stata ricoverata all'ospedale, in condizioni comunque non gravi.

Fonte: tgcom24.mediaset.it

Coordinamento Italiano Motociclisti
Ufficio Comunicazione