Stesse strade, stessi incidenti, soluzioni zero…

IncidenteAutoMoto

E si continua così, facciamoci del male, tanto al "Palazzo" non gliene frega niente; la cosa che "disturba" è la ripetitività della situazione che da' la ben chiara idea che chi dovrebbe amministrare non lo fa almeno fintanto non è toccato dal vivo direttamente….allora….

A Rivarolo (TO) un altro, ennesimo incidente ovvero il classico scontro auto-moto sull'ex statale 460

E' il secondo incidente in pochi giorni sulla ex statale 460, e questa volta nel pieno centro dell'abitato di Rivarolo Canavese. L'11 giugno, intorno a mezzogiorno si sono scontrate una Ducati Monster ed una Fiat 500. L'incidente è avvenuto in corso Re Arduino, quasi al confine con il Comune di Feletto

Il motociclista è stato immediatamente soccorso da un'equipe medica del 118 e trasportato in ambulanza all'ospedale di Cuorgnè. Le sue condizioni non dovrebbero destare particolari preoccupazioni. La dinamica del sinistro è al vaglio dei carabinieri di Agliè.

Sabato notte prima di questa data, a poche centinaia di metri di distanza dall'incidente appena segnalato, un altro sinistro aveva coinvolto una moto (sempre una Ducati Monster) ed un'utilitaria. 

Con gravi conseguenze per il centauro, un ragazzo di Volpiano di 28 anni che è stato ricoverato al Giovanni Bosco di Torino in prognosi riservata. Per fortuna le sue condizioni sono migliorate: ieri i medici del nosocomio torinese (dopo averlo operato) lo hanno dichiarato fuori pericolo.

La sequela di incidenti riapre il caso sicurezza sulla ex statale 460, da troppo tempo "teatro" di interventi migliorativi annunciati e mai partiti. Annunciati dalla Provincia di Torino, ente che, di fatto, oggi non esiste nemmeno più. 

Toccherà probabilmente alla Regione ed ai Comuni mettere mano, dove possibile, al portafoglio. 

Basta che si faccia in fretta…altrimenti si allungherà la lista dei feriti o peggio.

Chi ci rimette la peggio è sempre l'utente più debole però...

Coordinamento Italiano Motociclisti
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

© Riproduzione concessa citando la fonte e il link all'articolo.