Scontro in moto, muore un operaio

IncidenteMoto

Schianto auto-moto sull’Opitergina il18 Giugno 2013, all’ora di pranzo: ad avere la peggio il centauro che è spirato due ore dopo l’impatto all’ospedale di Treviso. La vittima è Luigino Isola, 47 anni. Lavorava, insieme con la moglie, al mobilificio Santarossa di Prata

Operaio, padre di tre figli, Luigino Isola di 47 anni, residente a Mansuè, è morto ieri in moto appena partito da casa su quella strada, da via Vizzola a Mansuè a Villanova di Prata, dove lavorava nel mobilificio Santarossa, che aveva fatta centinaia di volte. Ieri verso le 13 stava percorrendo la provinciale Opitergina con la sua Cagiva, quando in un tratto di pieno rettilineo in via Per Oderzo si è trovato di fronte un’auto che usciva da una stradina laterale.

È stato come avere davanti un muro. L’operaio ha cercato una frenata disperata, sull’asfalto è rimasto il segno dello pneumatico per una quindicina di metri, ma ha perso il controllo della moto ed è stato inevitabile l’impatto con la Nissan Micra. 

Al volante dell’auto una 41enne che stava uscendo dal vialetto di casa e che si stava immettendo sulla provinciale. Il motociclista era cosciente dopo l'impatto, in un primo momento non sembrava in pericolo di vita.

«Non riesco a respirare» si lamentava quando per primi a soccorrerlo sono arrivati degli abitanti della zona. 

Il centauro è stato sbalzato dalla sella e la sua Cagiva dalla parte sinistra è finita contro la porta dal lato guidatore: sulla vettura sono rimasti i segni rossi del colore della motocicletta.

Immediata la chiamata al 118, che ha richiesto l'intervento anche dell'elisoccorso. «Ho preso un ombrello per ripararlo dal caldo in attesa dell’arrivo dell’ambulanza» racconta un residente «diceva che non riusciva a respirare»

Dopo alcuni minuti però il quadro clinico è precipitato e l’operaio non ha più ripreso conoscenza. Intubato, è stato trasferito d'urgenza in elicottero al Ca’ Foncello di Treviso. I medici hanno tentato di tutto per rianimarlo, ma è spirato poco dopo il suo arrivo in ospedale. 

Forse a stroncarlo è stata una lesione interna.

Solo tre mesi fa aveva perso il padre. Le comunità di Mansuè e di Villanova di Prata sono sotto shock per la notizia della tragica scomparsa di Luigino Isola.

Uomo sempre allegro e di compagnia, Luigino Isola collaborava da anni con la pro loco, in particolare come addetto alle griglie durante la sagra paesana che si tiene tradizionalmente a settembre.

Coordinamento Italiano Motociclisti
Ufficio Comunicazione
(da varie fonti sul web)