Loiret: azione di segnalazione dei radar da parte della FFMC 45

Dei classici radar, non o mal segnalati o posizionati in zone dove la loro presenza è discutibile dal punto di vista della sicurezza… il 25 giugno ed il 28 luglio 2013 la FFMC 45 del Loiret (dipartimento nel centro della Francia n.d.t.) ha organizzato degli “atelier di pittura” per indicare la presenza  dei suddetti apparecchi.

“I radar automatici saranno installati in luoghi soggetti a frequenti incidenti e saranno segnalati in modo da invitare gli utenti della strada a rallentare”… promesse fatte alla loro installazione nel 2003. Ognuno di noi sa che questo non è mai avvenuto…

Nel Loiret, i luoghi dove sono installati i radar, sulla D2020, tra Chevilly e Cercottes, a nodr di Orléans, in entrambi i sensi, su una via due volte a due direzioni a distanza di 4 chilometri senza alcuna indicazione, fanno sicuramente parte di queste zone di incidenti! Pertanto, ci si ricorda molto poco di incidenti avvenuti in queste zone…

Anche il 27 giugno 2013, la FFMC 45,  come le sue consorelle degli altri dipartimenti, si è mossa in un’azione di disobbedienza civica, attraverso la creazione di segnaletica orizzontale altamente visibile per mettere in guardia gli utenti della strada da questi dispositivi complicati e costosi. Un sistema che si organizza, ad oggi più di dieci anni, a scapito di un reale desiderio di lavorare per la sicurezza, la prevenzione e la formazione.

La quindicina di motociclisti che hanno aderito all’iniziativa e che si sono mobilitati per questa operazione hanno dipinto al suolo una grande “R” per indicare delle zone radar ha ricevuto il sostegno di un gran numero di automobilisti e motociclisti di passaggio.

Domenica 28 luglio, in mattinata, due nuovi segnali sono stati realizzati. Questa volta per dei classici radar segnalati come “radar aleatori” (quelli detti “pedagocici”) a più di 2 km dalla loro sede. Si tratta dei radar che  sono situati dulla D2020, asse est-ovest molto importante che collega Orléans a Montargis, molto trafficato in estate. Anche in questo caso, coloro che hanno aderito, hanno dimostrato la loro caparbietà.

Se la FFMC non è sempre molto ascoltata, questa volta, almeno, sarà vista. Altre azioni di questo tipo sono ancora in attesa di essere compiute.

L’ufficio della FFMC

Fonte:  MOTOMAG

http://www.motomag.com/Loiret-action-marquage-de-radars-par-la-FFMC-45.html#suitedeArticle