Ministro norvegese dei trasporti contro la revisione per le moto

Ministro Norvegese

In una lettera al Presidente del Consiglio dell'Unione europea, il ministro norvegese dei Trasporti chiede di escludere i mezzi a motore e due ruote (PTW) dal regolamento sul controllo tecnico periodico (RWT). Dal punto di vista della Norvegia una tale misura sarebbe sproporzionata. Il ministro chiede inoltre di lasciare invariate le frequenze di prova.

 Nella sua lettera, Marit Arnstad dice:

"L'obbligatorietà di verificare i mezzi a due o tre ruote deve essere esclusa dalla proposta. L'inclusione di questi veicoli in un regime di controllo periodico non è giustificato. In questo contesto si fa riferimento alle nostre statistiche nazionali che indicano chiaramente che altri sono i fattori di rischio che non un guasto tecnico, ad essere le cause principali degli incidenti ed il fatto che questi veicoli sono per lo più utilizzati su base stagionale nei paesi nordici, a causa delle condizioni climatiche, ne avvalora la statistica."

Si tenga presente che nei Paesi Nordici,ora come ora, le motociclette sono in linea di massima escluse dalla revisione come attualmente in Italia, e molti di questi Paesi non giustificherebbero l'inclusione dei motoveicoli in genere in un "obbligo" della revisione indipendentemente da un periodo più stringato di quello attualmente esistente nei Paesi come il nostro, dove la normativa è già vigente.

In materia di trasporti la norma europea per molti argomenti è predominante su quella nazionale (vedi per quanto attinente all'ABS ad esempio) e potremmo assistere a sorprese proprio in relazione alla revisione dei motocicli : difficile che si possa avere una visione comune per tutti i Paesi ma potrebbero esserci delle deroghe in funzione del clima, ad esempio.

Cliccate qui per scaricare la lettera completa

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.">Coordinamento Italiano Motociclisti
Ufficio Stampa