Sab21072018

Aggiornamento:Mar, 03 Apr 2018 1pm

Back Sei qui: Home Notizie Notizie motociclistiche Leggi e normative Passare correttamente al semaforo sarà un vero “giallo”!

Passare correttamente al semaforo sarà un vero “giallo”!

Giallo Semaforo

Sì, perché una recente sentenza della Cassazione ha deciso che il tempo di tre (tre) secondi per il tempo di mantenimento del segnale giallo ai semafori è cosa buona e giusta: ovviamente molti Comuni non vedevano l’ora che si arrivasse a questa decisione in quanto un “timing” del genero ben si presta a “flash” di velox dedicati per immortalare chi passasse a quel punto con il rosso essendo il “giallo” una situazione da “cogli l’attimo”!

Ma la notizia rimane quella ahimè: la Cassazione ha deciso che la multa al semaforo è legittima se il giallo dura tre secondi, ribadendo quanto già affermato nello scorso settembre. 

Ma se la sentenza (n.27348/2014) si riferisce ad un aspetto tecnico (tre secondi sono esattamente quanto serve per fermarsi ai 50 km./h) ma non tiene conto di una realtà  ovvero che nelle nostre città il giallo è tarato con tempi diversi a seconda delle zone dove sono posti i semafori.

Questo perché si è interpretata con saggezza la circolare del Circolare del Ministero dei Trasporti (n. 67906/2007) che stabilisce che il tempo minimo di durata del giallo non può mai essere inferiore a tre secondi.

In particolare uno studio del Consiglio nazionale ricerche CNR il 10 settembre 2001 ha scritto le "Norme sulle caratteristiche funzionali e geometriche delle intersezioni stradali": al paragrafo 6.7.4, c’è la "Determinazione dei tempi di giallo”

Ed indica durate di 3, 4 e 5 secondi per velocità dei veicoli in arrivo pari, rispettivamente, a 50, 60 e 70 km/h. In presenza di traffico pesante con veicoli di lunghezza massima pari a 18,75 metri, compresi autocarri, autobus, fìlobus, autotreni, autoarticolati, autosnodati, filosnodati e vetture tramviarie, è indicata una durata di 4 secondi anche per velocità di 50 km/h.

Se pensate che sia una questione marginale sbagliate di grosso. Basti dire che il sindaco di Chicago, Rahm Emanuel (è stato capo dello staff di Barack Obama tra il 2008 e il 2010, mica uno qualsiasi) dopo aver abbassato il giallo dei semafori da 3 secondi a 2,9 ha incassato 8 milioni di dollari in più di multe. 

E visto che qui parliamo di secondi e non di decimi di secondi (e considerando che in Usa la multa è di 100 dollari, da noi sono 162 euro più sei punti in meno sulla patente) la stima è che agli automobilisti italiani possano essere sfilati centinaia di milioni di euro in più

Una situazione assurda perché in Italia abbiamo una legge che impone di destinare i proventi delle multe a iniziative per la sicurezza stradale, ma nessun decreto attuativo

Per cui le multe finiscono ai comuni, alle province (le mettono anche a bilancio!) per fare di tutto.

Il dubbio quindi che le sacrosante sanzioni (per chi sgarra) vengano messe in campo solo per fare cassa diventa certezza. Ma solo ovviamente dalle polizie locali e non dalla Stradale o dai Carabinieri, al di sopra di questo "giochetti": attenzione però a non equivocare perché le stesse polizie municipali sono vittime del sistema in quanto il comandante rischia il posto se non rispetta i dictat dei sindaci... E pensare che la legge di cui parliamo - e che metterebbe al riparo tutti da questo uso improprio delle sanzioni è del 2010...

Detto questo, ecco perché il giochetto di muovere il tempo dell'arancione è pericoloso: può portare ad una situazione catastrofica che si innesta ad una (tutta italiana) sul sistema delle contravvenzioni. 

Da noi infatti, dal 2009 a oggi, il numero di contravvenzioni elevate è cresciuto del 987% (nello stesso periodo in Germania l’aumento è stato dell’11%, in Francia del 30%...) e questo non  perché siamo diventati tutti dei criminali al volante ma perché abbiamo iniziato a piazzare controlli elettronici ovunque in città e perché, visto che il nostro balordo sistema lo consente a norma di legge, i comuni hanno sempre più bisogno di soldi...

Mettere quindi in mano a chi gestisce il sistema multe la possibilità di cambiare le regole del gioco in corsa può portare gravi danni al mondo della sicurezza stradale perché, va ricordato, da noi già adesso ogni anno vengono notificate agli automobilisti italiani circa 78 milioni di multe, ovvero più di 215 mila al giorno, una ogni due secondi che fruttano alle casse statali tre miliardi di euro

Di queste, 8 volte su 10 nessuno le paga: sta passando il concetto, orribile, che le sanzioni siano ingiuste, che non servano a nulla e che se possibile vadano evase con mille trucchi. 

L'esatto opposto dello spirito con cui invece andrebbero ricevute e pagate, mortificandosi per il pericolo arrecato alla collettività...

Con l'arancione a tre secondi, così, il nostro già precario senso civico riceverebbe di sicuro un ulteriore "siluro a prua"...

Fonte : repubblica.it/motori  autore Vincenzo Borgomeo

Commento del Coordinamento Italiano Motociclisti: pagare delle sanzioni per comportamenti “scorretti” è giusto anzi bisognerebbe aumentare una repressione in tal senso; pagare sanzioni perché il sistema ti induce in infrazione in modo farlocco sapendo che quei denari pubblici NON andranno al fine della sicurezza delle strade incrina definitivamente il rapporto tra Stato e cittadino.

In ogni caso si sta parlando di 6 punti patente e 163 euro, non noccioline, tasse sui gonzi anche perché i Comuni e le Regioni sempre più indebitati sovente NON hanno rinnovato gli accordi con le concessionarie del credito pensando di “fare in casa”, come a dire chi paga bene e chi non paga, beh…vedremo.. anche se il dato fornito sul numero complessivo di multe ci sembra non compatibile con la realtà.

Coordinamento Italiano Motociclisti
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Partecipate al nostro progetto per la tutela dei motociclisti :
http://www.derev.com/it/supportacim

© Riproduzione concessa citando la fonte e il link all'articolo.

 

Condividi la notizia

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Statistiche del sito

Statistiche dal 13/05/2012

 

histats