Multe: da gennaio aumentano del 6%

Da gennaio 2013 le multe costeranno quasi il 6% in più

Il 1° gennaio 2013, come previsto dal Codice della strada, scatterà l'incremento automatico degli importi delle multe. Ad oggi la percentuale di aumento non è ancora stata fissata, ma secondo Quattroruote non ci si dovrebbe scostare molto dal 5,9%, l'aumento più alto dal 1998.

La legge, infatti, prevede che ogni due anni gli importi delle sanzioni amministrative aumentino di una percentuale pari all'incremento dell'indice Istat dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati (Foi).

L'ultimo dato disponibile, riferito al mese di agosto, sempre secondo Quattroruote, rileva che nel biennio precedente l'incremento dell'indice Foi è stato, appunto, pari al 5,9%. La legge prevede che l'aumento sarà fissato entro il prossimo 1° dicembre. Ciò significa che a fine novembre o più probabilmente a dicembre inoltrato (la scadenza del 1° dicembre, infatti, non è perentoria) il ministro della Giustizia, di concerto con i ministri dell'Economia e delle finanze, e delle Infrastrutture e dei trasporti prenderà l'indice Foi di novembre, lo applicherà a tutti gli importi delle sanzioni previste dal Codice della strada (tranne quelle aumentate con altri provvedimenti da meno di due anni), arrotonderà il tutto all'unità di euro (per difetto se inferiore a 50 centesimi, per eccesso se pari o superiore), e stabilirà, per il biennio 2013-2014, le nuove multe.

Alcuni esempi. Tradotto in soldoni, e ipotizzando un aumento del 5,9%, ciò significa, per esempio, che il superamento dei limiti di velocità di oltre 10 ma non oltre 40 km/h (nelle ore diurne) aumenterà di 10 euro, da 159 a 169, che la guida senza cinture di sicurezza passerà da 76 a 81 euro, che il divieto di sosta salirà da 39 a 41 euro.

Peccato, infatti, che in questi anni, i livelli retributivi siano aumentati percentualmente molto di meno rispetto ai prezzi al consumo.

Oggi, complici spesso limiti e divieti assurdi e fuori da ogni logica di buon senso, nel nostro Paese chiunque può incappare in una sanzione pesante che mette a rischio il bilancio familiare. Pardon: non proprio chiunque. Chi viaggia con l'auto blu questi problemi proprio non li ha.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.