Ven24092021

Aggiornamento:Lun, 15 Giu 2020 9pm

Back Sei qui: Home Notizie Notizie motociclistiche Leggi e normative Tutor: come contestare una multa

Tutor: come contestare una multa

Tutor

Quando si parla di Tutor o più correttamente di Sistema Informativo per il controllo della velocità (SICVE), ogni automobilista o motociclista italiano ha una sua versione sia riguardo il funzionamento sia per la possibilità di evitare contravvenzioni.

Il Safety Tutor, introdotto sulla rete autostradale italiana all’inizio del 2005, è un sistema per la misurazione media della velocità di un veicolo. Ha un funzionamento semplice e pressoché infallibile, non solo perché difficilmente si riesce ad evitare una multa in caso si superino i limiti prefissati, ma in particolare perché l’utilizzo del sistema ha ridotto del 75% il tasso di mortalità sulle tratte controllate dai Tutor. Ma cosa succede se pensiamo che il tutor abbia sbagliato?

Il SICVE è un sistema tanto innovativo che spesso entra in conflitto con la realtà burocratica nostrana. Il sistema elabora una velocità media tra due “porte” che, distanziate dai 10 ai 25 Km, possono trovarsi fisicamente in città/provincie differenti. Risultando difficile determinare il punto preciso in cui è stato violato il Codice della Strada, viene meno il criterio delle territorialità previsto dall’ordinamento giuridico, il quale stabilisce che in caso si violi una norma a Roma essa possa essere impugnata esclusivamente presso iil Giudice di Pace della capitale. Apparentemente un “malfunzionamento” del sistema giuridico, ma che invece serve a tutelare i cittadini da un “mercato della giustizia” che in certi casi potrebbe permettere di appellarsi a Giudici più accondiscendenti o favorevoli.

In caso si voglia contestare una contravvenzione SICVE, per eccesso di velocità notificata tra due porte poste su un tratta di strada, il criterio da utilizzare per determinare la competenza del Giudice di Pace è quello di considerare la “porta d’uscita” ovvero quella posta alla fine del tratto preso in considerazione per il rilevamento medio della velocità. Le cose si complicano nel caso in cui ci siano due o più rilevamenti, che notifichino il superamento del limite della velocità, rilevati da due o più porte d’uscita. In questo caso il conducente sarà costretto a presentare ricorso a due o più Uffici del Giudice di Pace.

Ad esempio se un automobilista in viaggio da Roma a Milano, viene segnalato dalle porte di Firenze, Bologna e Milano, dovrà fare ricorso a tre Giudici di Pace. Impugnare una multa in questo caso diventa difficile, ma soprattutto oneroso per qualsiasi automobilista.

Dopo numerosi casi di mancata chiarezza e difficoltà per le “vittime” del tutor, la Suprema Corte ha stabilito che per le contravvenzione da SICVE non è possibile accorpare le condotte illecite, non si può applicare il principio di concorso formale di reati (consentirebbe di rivolgersi al Giudice dell’ultima violazione compiuta) e nemmeno le norme sul reato continuato (applicabili in caso di ambito penale, previdenze o assistenza obbligatoria).

Di soluzioni per “raggirare” i SICVE e/o autovelox ce ne sono tante, ma la prudenza è l’unica funzionante al 100%, per cui la conclusione è sempre la stessa, ovvero cercare di rispettare i limiti di velocità il più possibile !

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.">Coordinamento Italiano Motociclisti
Ufficio Stampa

 

Condividi la notizia

Submit to FacebookSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Statistiche del sito

Statistiche dal 13/05/2012

 

histats