Mar31032020

Aggiornamento:Gio, 13 Feb 2020 9am

Back Sei qui: Home Notizie Notizie motociclistiche Leggi e normative Incentivi moto e scooter, sì..ma elettrici

Incentivi moto e scooter, sì..ma elettrici

MotoElettrica

Il Ministero dello Sviluppo Economico (o meglio forse del sottosviluppo...) ha emanato un decreto attuativo con cui ha fissato i parametri per l’attribuzione degli ecoincentivi per l’acquisto di nuovi veicoli ecologici, provvedimento che interessa sia il mondo delle quattro che delle due ruote.

Mentre per le auto i contributi governativi varranno per l’acquisto di mezzi le cui emissioni di CO2 non superino la soglia dei 120 g/km - siano essi elettrici, a gas Gpl/metano o ‘ibridi’ di vario genere, per le moto il contributo sarà elargito solo nel caso di acquisto di una moto al 100% elettrica.

Il motivo di tale distinzione, che potrebbe apparire discriminante di primo acchito, è in realtà di carattere puramente tecnico/formale: al momento infatti non esiste l’obbligo di legge per i costruttori di moto di indicare le emissioni di CO2 dei propri prodotti (tale obbligo scatterà infatti nel 2016) e ciò non consente, ovviamente, di classificare i motocicli dotati di tradizionale motore termico in base al proprio carbon footprint

Il risultato così è che le moto tradizionali non potranno quindi usufruire degli incentivi.

Il decreto redatto dal Ministero infatti stabilisce che i 40 milioni di Euro stanziati per questa nuova misura economica saranno ripartiti in quote a seconda del livello di emissioni del veicolo, ma non essendo questo dato reperibile per motocicli e ciclomotori, l’unica categoria che potrà avvantaggiarsene nel campo delle due ruote è quella delle moto elettriche, che per definizione hanno un livello di emissioni pari a zero. 

Il decreto sarà operativo dal 14 Marzo: fino al 2014 l’iniziativa coprirà fino al 20% del prezzo d’acquisto, percentuale che scenderà poi al 15% nel 2015.

Non si comprende perché invece non si sia pensato ad incentivi REALI per motocicli e ciclomotori che, nelle aree urbane, sono mezzi di trasporto sempre più usati e contribuiscono a snellire il traffico: incentivi concreti avrebbero certo fatto riflettere molti automobilisti che iniziano a faticare nella gestione del proprio automezzo, valutando l'idea dell'acquisto di uno scooter come alternativa.

A differenza del passato, sono anche mezzi di trasporto green: quasi la totalità dei modelli di scooter attualmente in vendita rispetta il limite dei 95 g/km di CO2.

Per questi motivi Corrado Capelli, presidente di Confindustria Ancma, ha chiesto, ahimè senza ottenere evidenti risultati, che nel provvedimento fossero introdotti degli incentivi all’ acquisto di moto e scooter così come attualmente in vendita, anche per rilanciare il settore: secondo Capelli, le due ruote sono importanti e tutte le opportunità di supportare il rilancio del settore, a partire proprio dai veicoli a bassi livelli di emissione, vadano colte.

Incentivare esclusivamente le moto elettriche, vere chimere allo stato attuale, è come poter consentire sgravi fiscali importanti ai soli "possessori di minareti".

Diciamo che ci si potrebbe sentire un po' presi per la…..sella!

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo." target="_blank">Coordinamento Italiano Motociclisti
Ufficio Comunicazione

Condividi la notizia

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Statistiche del sito

Statistiche dal 13/05/2012

 

histats