Le moto sono la soluzione, anche con motore a scoppio

moto nel traffico urbano

Molti appassionati del camminare e dell'uso della bicicletta affermano che auto e moto, specialmente se hanno un motore a combustione interna, sono sporche e pericolose e dovrebbero essere vietate. Dolf Willigers della FEMA non è d'accordo: “Le moto sono la soluzione a molti problemi di trasporto e mobilità nelle aree urbane. Anche con un motore a combustione interna.” 

Recentemente, i nostri colleghi dell'Associazione europea dell'industria motociclistica, ACEM, hanno pubblicato un nuovo documento di posizione sulla mobilità urbana. Nel documento si menziona che le due e tre ruote motorizzate erano le soluzioni principali per la mobilità urbana negli anni '80 dell'Ottocento. Al giorno d'oggi, in molte grandi città europee e certamente fuori dall'Europa, ad esempio in Asia, le motociclette sono ancora un fattore dominante nei trasporti.

Questo è logico. Le motociclette sono piccole, economiche, meno inquinanti, consumano meno carburante e quindi emettono meno gas serra delle automobili. Tuttavia, negli uffici di molti consigli comunali, governi e Commissione europea, questo non sembra avere molta importanza. Il mantra attuale è "mobilità attiva e trasporto pubblico". La lobby della mobilità attiva ha anche la sua giornata annuale "Domenica senza auto", celebrata in molte città europee dove i tifosi sognano un mondo senza auto, camion e motociclette. Dimenticando convenientemente che il nostro benessere e la nostra mobilità attuali non sarebbero mai stati possibili senza questi veicoli.

Il trasporto individuale motorizzato di qualsiasi tipo sta rapidamente diventando un tabù. Per molti adepti della mobilità attiva, auto, moto, ciclomotori – soprattutto se dotati di motore a combustione interna – sono sporchi, pericolosi, occupano molto spazio e dovrebbero essere vietati. In un certo senso, hanno ragione: le automobili, gli autobus, i camion e le due ruote a motore a volte, quando sono vecchie o mal tenute, emettono troppi gas tossici e CO2. E troppe auto in città significano che occupano troppo spazio, anche quando non sono in uso, che è la maggior parte del tempo. A volte mi chiedo anche perché nella mia città le auto siano ancora autorizzate a guidare e parcheggiare nella principale via dello shopping. Capisco che devi avere auto e moto ovunque. Ma…

La soluzione alla cattiva qualità dell'aria, al cambiamento climatico globale e alla mancanza di spazio nelle aree urbane non è vietare tutti i singoli veicoli a motore dalle città. C'è e ci sarà sempre bisogno di un trasporto motorizzato individuale nelle aree urbane. Con la bicicletta, a piedi e con i mezzi pubblici non si possono soddisfare tutte le esigenze di mobilità di persone e merci. Sì, auto, furgoni e camion (e autobus) sono grandi e spesso occupano troppo spazio, quindi il problema ha bisogno di una soluzione. Quella soluzione è veicoli più piccoli e più puliti. Questi veicoli esistono già, da oltre 140 anni. Moto, ciclomotori, veicoli a tre ruote sono la soluzione a molti problemi di trasporto e mobilità nelle aree urbane. Anche con un motore a combustione interna.

Grazie agli sviluppi tecnici e ai limiti inferiori, i nuovi motori a combustione interna sono oggi molto efficienti dal punto di vista dei consumi e puliti, contribuiscono a ridurre il riscaldamento globale e la cattiva qualità dell'aria. Con i motori elettrici sono ancora più puliti (almeno se si considerano le emissioni allo scarico) e sono una soluzione perfetta per la cattiva qualità dell'aria e l'uso dello spazio nelle aree urbane. Le uniche cose di cui hanno bisogno sono un'infrastruttura di ricarica adeguata, comoda e sicura e responsabili politici che riconoscono che il mantra "mobilità attiva e trasporto pubblico" suona molto bene ma non offre una risposta completa alle sfide della mobilità urbana e della vivibilità. Le due ruote a motore e altri piccoli veicoli hanno il futuro nella mobilità urbana e devono far parte dei piani di mobilità urbana.

Scritto da Questo indirizzo email ├Ę protetto dagli spambots. ├ł necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Tradotto dall'articolo sul sito FEMA, tutti i diritti sono di FEMA

Coordinamento Italiano Motociclisti
Questo indirizzo email ├Ę protetto dagli spambots. ├ł necessario abilitare JavaScript per vederlo.

© Riproduzione concessa citando la fonte e il link all'articolo.