Fanno bene, se non ci svegliamo, ce lo meritiamo!

autovelox 001

Le province si stanno attrezzando con sistemi di tutor/autovelox selvaggi per ripianare i loro deficit: a questi qui non interessa la "spending review", per rimpinguare le loro casse, svuoteranno le nostre! Ormai è una guerra dichiarata: se il governo centrale con il Ministro Maroni nel 2010 aveva emanato un decreto che di fatto impediva che amministrazioni comunali noleggiassero autovelox, photo-red con contratti a taglieggiamento degli utenti, oggi sono province come quella di Como a fregarsene di ogni normativa in materia comprese quella europea sugli appalti!

Il velox in questione è affittato a 4.000 euro al mese prodotto dalla Selex (gruppo Finmeccanica) e per ogni scatto pagherà al fornitore 42 euro; con costi simili l'obbligatorietà delle sanzioni è inevitabile.

L'azienda che gestisce le telecamere può incassare 2,36 milioni di euro all'anno, dove i calcoli sono quelli di 800-1000 multe al giorno, mentre alla Provincia di Como dovrebbero rimanere "solo" 1,8 milioni di euro (di notte le sanzioni raddoppiano).

Potremmo descrivere in modo più approfondito l'argomento ma vi rimandiamo a questo articolo sul sito di AutoMoto.it che descrive perfettamente una palese truffa a danno dei cittadini (se poi mettiamo una bella striscia continua ed un limite di velocità di 30 km/orari…tipo "Bidentina", i giochi sono fatti!).

Ovvio che i ricorsi che verranno effettuati vs. queste multe, vedranno vincitori i ricorrenti (magari dopo due o tre anni, però) ma nel frattempo le province avranno messo  nei loro bilanci queste come "entrate" sicure, così il politico di turno avrà l'occasione di dire di aver "risanato" le casse alla facciazza nostra.

E noi poveri fessi in auto e moto? Mazziati e cornuti, ma di fatto ce lo meritiamo! Quando si tratta di agire insieme, di COORDINARE azioni di protesta a fronte di precise proposte (vedi giornata dell'autoriduzione per i pedaggi autostradali), siamo sempre quattro gatti alla faccia delle migliaia dei "mi piace" sui social network.

Se la protesta è fatta col mouse, comodamente seduti, non si andrà da nessuna parte e saremo sempre bastonati da tutte le parti.

Dovete ancora pensarci così tanto per sostenere le nostre attività a favore dei motociclisti? Cosa aspettate ad iscrivervi al C.I.M.?

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo." target="_blank">Coordinamento Italiano Motociclisti
Ufficio Comunicazione