Mer05102022

Aggiornamento:Mar, 23 Nov 2021 4pm

Back Sei qui: Home Notizie Notizie motociclistiche Dal mondo Proposta di vietare la vendita di nuove moto a benzina

Proposta di vietare la vendita di nuove moto a benzina

fuel

I motociclisti dicono "NO" al possibile divieto di nuove moto a benzina. Un sondaggio FEMA mostra che un possibile divieto per la vendita di nuove moto a benzina è respinto da oltre il 90% dei motociclisti che hanno preso parte al sondaggio.

A luglio e agosto 2021 FEMA ha condotto un sondaggio online sulle emissioni dei motocicli e su un possibile divieto di vendita di nuovi motocicli a benzina. Il sondaggio era disponibile in 12 lingue ed è stato compilato da 23.768 persone (1.188 donne e 22.580 uomini).

Alla domanda 'Cosa ne pensi di un possibile divieto di vendita di motociclette nuove a benzina?', il 92,91% dei motociclisti che hanno risposto ha respinto tale divieto. Ci sono differenze tra i paesi, ma il tasso di disapprovazione di un eventuale divieto di vendita di motociclette nuove a benzina non scende al di sotto dell'80% in nessun paese europeo.

Rispetto al sondaggio FEMA condotto nel 2016, vediamo un gruppo più ampio di motociclisti che sarebbero disposti ad acquistare una moto più nuova se alle moto più vecchie (pre-2006) fosse vietato l'ingresso in città (55,46% nel 2021, contro 44 % nel 2016). Tra gli intervistati, oltre il 44% prenderebbe in considerazione un'altra modalità di trasporto se si verificasse un tale divieto, che potrebbe portare a un importante spostamento della mobilità in alcune città. Questo potrebbe essere un problema ancora più grande quando le autorità cittadine decideranno di vietare l'ingresso in città ai veicoli a combustibili fossili, perché in tal caso oltre il 76% degli intervistati cambierebbe il proprio mezzo di trasporto invece di passare a una motocicletta senza emissioni (elettrica/ cella a combustibile). Ciò potrebbe avere effetti drastici sulla mobilità urbana come la conosciamo.

Una grande maggioranza (88,75%) di coloro che sarebbero disposti a passare a una motocicletta senza emissioni nel caso in cui vietasse l'ingresso in città ai veicoli a combustibili fossili, non è disposta a pagare di più per una moto del genere rispetto a una moto con un motore a combustione che funziona con combustibili fossili.

Alla domanda su cosa farebbero se la vendita di motociclette nuove a benzina fosse vietata, una maggioranza del 53,38% smetterebbe di guidare quando non è più in grado di acquistare una nuova motocicletta a benzina. Il 38,96% degli intervistati acquisterebbe una moto a zero emissioni quando non sono più disponibili moto a benzina nuove o usate. Solo il 7,67% acquisterebbe già una moto a zero emissioni quando ci sono ancora moto a benzina disponibili.

Quando gli è stato chiesto se potevano essere appagati da una motocicletta a emissioni zero tanto quanto la loro attuale motocicletta (se fosse stato introdotto un divieto totale di tutti i veicoli a combustibili fossili) o se avrebbero smesso di guidare, il 58,92% avrebbe smesso di guidare. Si tratta di un importante cambiamento di atteggiamento dal 2016, quando il 46% degli intervistati ha dichiarato che avrebbe smesso di guidare. Degli intervistati, il 41,08% potrebbe divertirsi a guidare una moto a zero emissioni, contro il 54% del 2016.

Clicca qui per tutti i risultati del sondaggio.

Gli attuali piani della Commissione Europea e di alcuni governi nazionali per limitare la vendita e l'uso di veicoli alimentati a combustibili fossili portano a più domande di quante non siano le risposte al momento. Quanto è realistico affidarsi completamente ai veicoli elettrici? Ci saranno abbastanza veicoli elettrici sul mercato, ci sarà abbastanza elettricità, ci saranno abbastanza punti di ricarica, la rete sarà in grado di far fronte alla domanda extra, le moto elettriche avranno mai un'autonomia sufficiente? E per quanto riguarda gli e-carburanti? Possono essere sviluppati a un livello tale da poter competere con i combustibili fossili che conosciamo oggi, se guardiamo al costo e all'efficacia? Tutti questi veicoli ad alimentazione alternativa saranno alla portata dell'utente medio?

Il segretario generale della FEMA, Dolf Willigers, ha dichiarato: “Le moto stanno diventando sempre più economiche e pulite. Rispetto alle auto, che tendono a consumare più carburante e che occupano più spazio per guidare e parcheggiare, soprattutto nelle città, le moto stanno diventando molto più economiche e meno inquinanti di quanto non lo siano già. Vediamo un futuro brillante per le motociclette e le altre due ruote a motore, a condizione che la Commissione europea e il governo britannico lascino spazio al motore a combustione interna per le motociclette. Con i combustibili non fossili che sono già in fase di sviluppo, le motociclette rimarranno accessibili e diventeranno pulite e a zero emissioni di CO2."

Il presidente della FEMA Anna Zee ha dichiarato: “Diversi governi nazionali stanno valutando un futuro divieto di vendita di veicoli con motori a combustione interna, uno sviluppo che potrebbe avere un enorme impatto sulla nostra scelta del veicolo e sul nostro stile di vita. Sebbene FEMA comprenda e supporti l'ulteriore sviluppo e integrazione dei veicoli elettrici, lavoreremo per un futuro con motociclette elettriche e motociclette con motore a combustione interna fianco a fianco."

L'industria motociclistica sembra concentrarsi sulla produzione di due ruote elettriche per uso urbano e non sta ancora producendo un numero significativo di motociclette che potrebbero sostituire l'attuale flotta delle motociclette più grosse. Antonio Perlot, segretario generale ACEM, l'Associazione europea dei produttori di motocicli, ha dichiarato a FEMA: "ACEM prevede che la quota predominante del mercato delle due ruote alimentate dalla mobilità urbana sarà elettrica entro il 2030, con ricadute crescenti sull'intera gamma di motociclette verso il 2050. Inutile dire che, mentre anche i produttori affermati stanno entrando nel segmento delle moto elettriche, per lo più l'elettrificazione pura si sta concentrando principalmente su veicoli più piccoli e a corto raggio, rivolti principalmente all'ambiente urbano, dove la prospettiva di volumi più elevati è in linea con la loro dimensione industriale."

Clicca qui per leggere il comunicato completo di ACEM.

Scritto da Wim TaalQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo." target="_blank">
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo." target="_blank">

Tradotto dall'articolo originale sul sito FEMA - Tutti i diritti sono di FEMA

Coordinamento Italiano Motociclisti
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

© Riproduzione concessa citando la fonte e il link all'articolo.

 

Condividi la notizia

Submit to FacebookSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Statistiche del sito

Statistiche dal 13/05/2012

 

histats