Lun30112020

Aggiornamento:Lun, 15 Giu 2020 9pm

Spadino »

spadino1
Memorial Spadino dal 1999 ad oggi

Guard Rail »

guard rail
I guard rail non fanno distinzioni!

Pedaggi moto »

pedaggio1
lottiamo contro i pedaggi ingiusti

Dossier Bidentina »

infrazione1
la sicurezza non è un limite!

Partecipa al CIM »

vogliamote1
Uniti per difendere i nostri diritti
Back Sei qui: Home Partecipa

Come collaborare al CIM

Chiusura della campagna iscrizioni

keep calm and mo so cazzi vostri 1

Il 5 Febbraio 2014 si è conclusa la campagna di tesseramento per il 2015 del Coordinamento Italiano Motociclisti, con un risultato a dire poco deludente.

Abbiamo chiesto ai motociclisti italiani di supportare l'unica associazione che cerca, da oltre ventitre anni, di tutelare i loro diritti a 360 gradi, con l'obiettivo di avere almeno 1.000 iscritti per permetterci di proseguire in modo concreto.

Hanno risposto in 97. Credo che la cosa si commenti da sola.

Qualcuno ci ha detto che avremmo dovuto pubblicizzare la nostra iniziativa anche sulla stampa, ma tranne per un paio di testate (Mototurismo e Bikers Life), la disponibilità di riviste e giornalisti di settore a dare visibilità a questo tipo di iniziative è a dire poco misera.

Ricordo ancora la risposta di un direttore, che mi ha detto che oltre ad un articolo non poteva fare altro, altrimenti si sarebbe "schierato".

Un altro direttore mi ha detto che se lo avesse fatto per noi, poi avrebbe dovuto farlo anche per "gli altri".

Un noto giornalista mi ha detto di inviare il materiale, che poi ci saremmo sentiti. Non ha più risposto ne al telefono e tantomeno alle mail.

Eppure tutte queste persone hanno più volte scritto articoli dove si lamentava la mancanza di unione da parte dei motociclisti, si segnalava la mancanza di una associazione che fosse in grado di rappresentare degnamente la voce dei motociclisti.

A volte si lamenta l'assenza della FMI riguardo alcune azioni, ma è una lamentela inutile: l'obiettivo primario delle federazioni nazionali (quindi non solo della nostra) è il motociclismo. Per questo motivo nelle altre nazioni sono nate associazioni di motociclisti il cui obiettivo primario sono i motociclisti.

Per creare questo tipo di associazione serve molta visibilità, ma come tanti altri Italiani, al provare a fare qualcosa per fare cambiare la situazione, preferiscono lamentarsi di quello che non c'è, aspettando che qualcuno risolva il problema.

Avere visibilità sulla stampa è difficile, dato che spesso ci sentiamo dire "se lo facciamo per voi poi dobbiamo farlo anche per gli altri". A questo punto si capisce che chi sta rispondendo non ha proprio idea di cosa sta parlando.

Il CIM è infatti una associazione unica nel suo genere. Non siamo nati per desiderio di protagonismo, oppure in seguito ad un incidente che ha coinvolto un nostro amico. Non siamo nati per via di una multa o per chiedere maggiore sicurezza sulla strada pretendendo poi di potere guidare come se il Codice della Strada non riguardi i motoveicoli.

Siamo nati nel 1991 per creare anche in Italia una associazione di motociclisti analoga a quelle che già esistevano in altri Paesi Europei, con l'intento di intervenire dove i motociclisti subiscono delle situazioni non idonee alle particolarità del loro veicolo.

Da sempre in contatto con le altre associazioni europee e con FEMA, conseguendo una competenza unica nel suo genere. Competenza che ha permesso di essere i primi creare azioni per affrontare problemi come quello dei guardrail (nel 1995) o per i costi delle polizze assicurative.

L'associazione ha saputo avere la costanza di proseguire per oltre vent'anni, mentre altri gruppi o associazioni nascevano per svolgere attività simili, se non identiche, a quelle del Coordinamento, si sono spenti in capo ad un paio di anni.

Perché le azioni del Coordinamento potessero avere un esito concreto in tempi ragionevoli erano necessarie delle risorse che non sono mai state disponibili. Risorse che potevano (e dovevano) provenire primariamente dal supporto diretto dei motociclisti, in modo analogo a quello che avviene nelle altre nazioni. Solo che mentre i Motociclisti europei sanno concretizzare il concetto di "solidarietà motociclistica", per i motociclisti italiani è impossibile farlo.

Molti sono solidali con il nostro impegno, ma solo per dire "bravi, andate avanti così". Ma per avere risultati si devono impegnare molte risorse, in modo continuativo. Impossibile da fare solo con volontari, l'unico modo era di potere incaricare personale retribuito. A questo punto abbiamo proposto un progetto molto chiaro: per proseguire dobbiamo avere le risorse, e se i motociclisti vogliono qualcuno che li rappresenti, partecipino a loro volta al nostro progetto.

Abbiamo incentrato la comunicazione per questa campagna su Internet, per il semplice motivo che si poteva partecipare solo tramite un pagamento fatto con PayPal, tramite un apposito sito.

I motoveicoli immatricolati in Italia sono oltre 8 milioni, ma se togliamo tutte quelle categorie di utilizzatori che difficilmente sono interessati alle azioni svolte dal Coordinamento (quindi minorenni o pensionati con cinquantini, motociclisti con percorrenze inferiori ai 3.000 km/anno, scooteristi che fanno solo casa/lavoro in città, motociclisti da bar o "da sparo", quelli che vanno solo in pista, quelli che sono tutti fratelli ma solo con chi pare a loro, ecc...) il possibile "target" si riduce di molto.

Se qualcuno dei rimanenti fosse stato poi interessato, ma non usa abitualmente internet o non ha una carta di credito, non avrebbe comunque avuto modo di iscriversi.

Ne conseguiva che il migliore sistema per contattare il maggior numero dei possibili futuri iscritti era internet: sito web, forum o social network.

Nei vari gruppi di Facebook dedicati ai motociclisti si leggono molto spesso lamentele sulle situazioni che vivono i motociclisti. Contando i vari contatti, e tenendo anche conto che molti sono presenti su diversi gruppi, o forum si arriva ad almeno 60-80.000 persone, moltissimi dei quali estremamente critici verso le varie situazioni avverse ai motociclisti.

Il fatto che tra questi si sia riusciti a trovare solo un centinaio interessati a provare a sostenere l'unica associazione che li tutela, fa capire che ogni problema che hanno i motociclisti, esiste perché se lo meritano tutto.

A chi non condivide questa affermazione, a chi pensa che sia solo una mia interpretazione, a chi si sentisse offeso, voglio solo ricordare un aforisma di Martin Luher King:

"Può darsi non siate responsabili per la situazione in cui vi trovate, ma lo diventerete se non farete nulla per cambiarla."

Il fatto di non provare ad agire per fare cambiare le cose, pare quindi sia qualcosa di già visto, ma non credo sia un buon motivo per ritenerlo normale od accettabile. Soprattutto se poi ci si lamenta.

Noi abbiamo creato una struttura che poteva funzionare, ma evidentemente non eravamo abbastanza "divertenti" per i motociclisti italici. Ora, come detto all'inizio della campagna, le attività del CIM verranno totalmente riviste.

Ringrazio quei 96 che hanno voluto provare a creare qualcosa di nuovo (sono 97, ma uno sono io...), se non altro ora, a chi si lamenta, potrete dire "io ho provato a fare cambiare le cose, tu no, quindi non hai diritto di lamentarti".

Marco Polli
Presidente del Coordinamento Italiano Motociclisti

© Riproduzione concessa citando la fonte e il link all'articolo.

Aggiungi commento

Per inserire un commento devi immettere nome ed e-mail (che non verrà pubblicata).
Il messaggio dovrà poi essere approvato.


Codice di sicurezza
Aggiorna

Commenti   

0 #8 Marco Polli 2015-03-17 17:14
Pulpito? Maddeche?

Dal pulpito si fanno le prediche, e noi non abbiamo mai fatto prediche, ma abbiamo sempre cercato la collaborazione dei motociclisti nella tutela dei LORO diritti, facendo sempre presente quanto diceva Martin Luther King: Può darsi non siate responsabili per la situazione in cui vi trovate, ma lo diventerete se non farete nulla per cambiarla.

Ma così facendo siamo finiti nella situazione che venne descritta molto bene da un aforisma di Anthony de Mello: Non tentare di insegnare a cantare a un maiale: il risultato è che tu perdi tempo e il maiale si irrita.

Non abbiamo mai voluto medaglie o altre gratificazioni, delle quali ce ne fotte davvero poco. L'unica gratificazione che avremmo voluto è arrivare a fare cambiare qualcosa, ma per avere dei risultati dobbiamo essere in tanti.

Abbiamo sempre cercato e voluto la partecipazione dei motociclisti, senza la quale NON SI PUO' FARE NULLA.

Se dirlo significa lamentarsi, sono punti di vista.
Io ritengo sia solo esporre le cose per come sono: se abbiamo la situazione che abbiamo, è solo colpa di chi continua a stare a guardare senza mai provare a fare qualcosa di concreto.
Citazione | Segnala all'amministratore
0 #7 mauro favazza 2015-03-17 16:53
"Per comunicare ci deve essere anche attenzione da parte di chi ascolta, ma se chi ascolta è interessato solo dalla ultima versione di marmitta, o dalla prossima festa a base di birra e salsiccia, o magari dalla signorina mezza nuda stesa su una moto, le nostre proposte saranno troppo noiose e prive di interesse." Come contraddire. Dopo anni è una delle mie poche certerzze, ma posso aggiungere che me ne faccio una ragione e continuo per la mia strada, senza pretendere medaglie. Gli italiani motociclisti sono così, e lamentandoci non cambiamo niente. Possiamo solo essere un faro, un fanalino nel buio qualunquista. Scendiamo da ogni pulpito, ma non smettiamo di parlare e di fare.
Citazione | Segnala all'amministratore
0 #6 Marco Polli 2015-03-17 11:46
Citazione michele .:
Se puo' essere utile vi dico che io non ho contribuito perchè non vi conosco, non siete purtroppo riusciti a comunicare cio' che fate e perchè investire su questo gruppo.


Vedi, direi che non c'è peggior sordo di chi non vuole sentire.
Per cominciare ci deve essere un interesse di base, che nasce dalla insoddisfazione per la situazione esistente.

Se c'è questa insoddisfazione e qualcuno ti propone un modo di reagire, diventa spontaneo prendere maggiori informazioni, e sul nostro sito e sulla campagna di crowdfunding c'era scritto quello che abbiamo fatto, che stiamo facendo e che volevamo fare.

Per comunicare ci deve essere anche attenzione da parte di chi ascolta, ma se chi ascolta è interessato solo dalla ultima versione di marmitta, o dalla prossima festa a base di birra e salsiccia, o magari dalla signorina mezza nuda stesa su una moto, le nostre proposte saranno troppo noiose e prive di interesse.

Dopo avere provato a parlare di persona a tanti, ma davvero tanti motociclisti, posso assicurarti che il problema è che i motociclisti italiani sono prima di tutto Italiani. E direi anzi, degli "italiani medi".

E con questa base di ascoltatori, per comunicare devi parlare di impennate e di [beeeeep]... altrimenti non hai riscontro.
Ma appena parli di fare qualcosa per i nostri diritti, vedi lo sguardo che si perde, leggi nei loro occhi "ma che palle" e se ne vanno.
Citazione | Segnala all'amministratore
0 #5 michele . 2015-03-16 17:26
Vi rileggo dopo la vostra campagna tesseramenti scoprendo che non è andata a buon fine. Se puo' essere utile vi dico che io non ho contribuito perchè non vi conosco, non siete purtroppo riusciti a comunicare cio' che fate e perchè investire su questo gruppo. Non credo i contenuti siano critici, ne che i motociclisti se ne freghino o non abbiano fiducia nelle risorse che avete messo in campo a quanto raccontate in questi anni in modo efficace. Ma il problema è comunicare e convincere. Questo non ci siete riusciti e il risultato si legge nei numeri. Internet ci illude di risolvere la comunicazione. Invece sempre piu' sono convinto che sia equivalente a gettare parole che la gente legge distrattamente in una grande mare magnum . Onore al lavoro fatto, ma resta l'onere di farlo riconoscere.
Citazione | Segnala all'amministratore
0 #4 Marco Polli 2015-03-04 14:11
Citazione claudia:
allora volevo iscrivermi non lo posso più fare?

Al momento stiamo definendo cosa fare.
Di sicuro ci siamo resi conto che non ha senso chiedere alle persone di sottoscrivere una iscrizione ad una associazione che non riesce ad ottenere dei risultati concreti.

Non ci sembra serio.

Per ottenere risultati concreti, dobbiamo essere molti, ma molti di più. Se siamo in pochi, meglio cambiare obiettivi.
Citazione | Segnala all'amministratore
0 #3 Marco Polli 2015-03-04 14:07
Citazione remo la barca:
Marco ciao .Sono stato tesserato con il CMI per parecchi anni. Due anni fa un socio del club che rappresento ha messo su fb la nostra partecipazione all'evento e tu hai risposto che se venivamo solo a questo evento potevamo anche stare a casa dato che non vi servono motociclisti che fanno le scampagnate .Ti ho risposto che un evento così mediatico e così importante come lo Spadino per voi è basilare per farvi conoscere dalla massa di motociclisti ,è una eredità molto importante di RICCARDO FORTE .Sappiamo tutti che quando si tratta di lavorare ,i partecipanti passano al 2/3% ma questo è naturale e fisiologico, il coordinamento di cose importanti ne ha fatte parecchie anche se a lavorare eravate in pochi rispetto ai tesserati .Un conto è spronare la gente ,e un conto è imporre le proprie idee ,bisogna cercare di tenere con se anche chi paga solo la tessera ma almeno contribuisce con la quota alle spese del club
un saluto Maleficus Presidente del Vmaxmaniac www.vmax.it


Non ricordo l'evento, ma credo che la mia sia una risposta tirata fuori da un discorso più lungo, e se non si riporta tutto, ogni frase può finire con l'avere un significato del tutto diverso dall'originale.

Posso aggiungere che Spadino è un evento importante, ma che non ha nessuna valenza per farci conoscere. Abbiamo provato a chiedere durante le ultime edizioni, e la percentuale di quelli che sanno cosa sia l'associazione che organizza questo evento, sono un numero ridicolo.

In pochi sanno che il CIM non è un gruppo o un motoclub ma una associazione. Pochi di quelli che lo sanno, sanno quali attività svolge. Del resto tu stesso lo definisci "club".

Il motivo è semplice: non gliene frega un [beeeeep] a nessuno.

Vanno allo Spadino perché è il primo evento della stagione, perché si fa un giro veloce, perché è un evento che parla di un motociclista... ma in pochi prestano attenzione a quello che viene detto dal palco.

Per spronare la gente, serve che la gente per lo meno ascolti. Se non ascolta nemmeno, allora... mo so cazzi loro.

L'Italiano medio è quel tipo di Italiano che crea problemi a questa nazione. E ce ne sono tanti. Tantissimi. E il fatto di andare in moto, non rende automaticamente esenti dal fare parte della categoria.
Citazione | Segnala all'amministratore
0 #2 claudia 2015-02-28 01:54
allora volevo iscrivermi non lo posso più fare?
Citazione | Segnala all'amministratore
0 #1 remo la barca 2015-02-27 15:58
Marco ciao .Sono stato tesserato con il CMI per parecchi anni. Due anni fa un socio del club che rappresento ha messo su fb la nostra partecipazione all'evento e tu hai risposto che se venivamo solo a questo evento potevamo anche stare a casa dato che non vi servono motociclisti che fanno le scampagnate .Ti ho risposto che un evento così mediatico e così importante come lo Spadino per voi è basilare per farvi conoscere dalla massa di motociclisti ,è una eredità molto importante di RICCARDO FORTE .Sappiamo tutti che quando si tratta di lavorare ,i partecipanti passano al 2/3% ma questo è naturale e fisiologico, il coordinamento di cose importanti ne ha fatte parecchie anche se a lavorare eravate in pochi rispetto ai tesserati .Un conto è spronare la gente ,e un conto è imporre le proprie idee ,bisogna cercare di tenere con se anche chi paga solo la tessera ma almeno contribuisce con la quota alle spese del club
un saluto Maleficus Presidente del Vmaxmaniac www.vmax.it
Citazione | Segnala all'amministratore

Statistiche del sito

Statistiche dal 13/05/2012

 

histats