Dom23012022

Aggiornamento:Mar, 23 Nov 2021 4pm

Back Sei qui: Home Notizie Notizie motociclistiche Leggi e normative Gli eurodeputati vogliono l'assistenza intelligente per la velocità sulle moto

Gli eurodeputati vogliono l'assistenza intelligente per la velocità sulle moto

Dolf Willigers

Il Parlamento europeo vuole solide misure di sicurezza stradale, come un limite di velocità di 30 km all'ora e la tolleranza zero per la guida in stato di ebbrezza, ma suggerisce anche l'Assistenza intelligente della velocità sui motocicli.

Il 5 ottobre 2021, la riunione plenaria del Parlamento europeo ha adottato a larga maggioranza di voti il ​​progetto di relazione della deputata al Parlamento europeo (MEP) Elena Kountoura. Il rapporto contiene molte misure per migliorare la sicurezza stradale in Europa. Uno di questi è l'introduzione dell'Intelligent Speed ​​Assistance (ISA) sui motocicli.

In generale, il Parlamento europeo vede un grande contributo alla sicurezza stradale nel cambiamento della mobilità attiva (a piedi e in bicicletta) e del trasporto pubblico. Inoltre, una migliore infrastruttura, un'agenzia europea per il trasporto stradale, la riduzione della velocità e l'applicazione delle norme dovrebbero svolgere un ruolo importante nel ridurre gli incidenti in cui le persone rimangono uccise o gravemente ferite.

In una cosiddetta relazione di iniziativa del Parlamento europeo, il Parlamento reagisce al quadro politico dell'UE per la sicurezza stradale 2021-2030 - Raccomandazioni sui prossimi passi verso "Vision Zero" (2021/2014(INI)).

In questo quadro, la Commissione europea ha definito diversi indicatori chiave di prestazione (KPI) con l'obiettivo di ridurre gli incidenti in cui le persone muoiono o vengono gravemente ferite. Il Parlamento sostiene le misure della Commissione ma vuole andare oltre. Per cominciare, il Parlamento vuole che la Commissione definisca KPI che includano i veicoli della categoria L (ad esempio i motocicli).

Per evidenziare alcune delle richieste degli eurodeputati:

  • Il Parlamento chiede maggiori investimenti in infrastrutture sicure con un focus sulle zone con il maggior numero di incidenti; un quadro di classificazione stradale che corrisponda meglio i limiti di velocità alla progettazione e al tracciato della strada, in linea con l'approccio del sistema sicuro.
  • Per quanto riguarda i veicoli, il Parlamento chiede l'inclusione delle caratteristiche di sicurezza dei veicoli nelle ispezioni tecniche periodiche. Richiede inoltre l'ABS per tutte le motociclette e l'installazione di sistemi intelligenti di assistenza alla velocità in tutti i nuovi veicoli, comprese le motociclette. Inoltre, sistemi eCall dovrebbero essere installati sulle motociclette.
  • Per quanto riguarda la "nuova mobilità" (i dispositivi di micromobilità elettrica come i monopattini elettrici) il Parlamento solleva serie preoccupazioni relative non solo alla sicurezza dei dispositivi stessi, ma anche al loro uso sicuro nel traffico.
  • Per quanto riguarda l'uso sicuro della strada, il Parlamento chiede limiti e controlli sull'alcol più severi. Prevede inoltre un limite di velocità di 30 km/h nelle aree residenziali, con possibilità di limiti più elevati nelle principali arterie stradali e nelle zone con molti pedoni e ciclisti. Per far rispettare questi limiti, gli Stati membri dovrebbero dare la priorità agli investimenti nell'applicazione della velocità e nella comunicazione di alta qualità.
  • Infine, il Parlamento invita la Commissione europea a valutare l'obbligatorietà della formazione teorica e pratica e delle prove per l'ottenimento della patente di guida per tutte le categorie di veicoli a due ruote a motore.

Commento del Segretario Generale della FEMA Dolf Willigers: “Accogliamo con favore questo rapporto e quasi tutte le misure proposte dal Parlamento. In una lettera alla Commissione europea all'inizio di quest'anno abbiamo già chiesto l'inclusione delle due ruote a motore nei Key Performance Indicators, una migliore formazione, test della patente di guida più mirati alla valutazione e alla prevenzione dei rischi anziché alle competenze tecniche a bassa velocità e infrastrutture più sicure. Sono richieste che ci sono anche nella relazione del parlamento».

Continua Dolf: Non supportiamo nessuna caratteristica tecnica che tolga al pilota il controllo della moto e quindi – pur comprendendo la necessità di ridurre la velocità in determinate situazioni – vediamo qualsiasi tipo di Intelligent Speed Assistance che interferisce con il controllo del motore come un pericolo per i motociclisti, come abbiamo già discusso con la Commissione europea nel 2019. La Commissione ha concordato con noi che non si può semplicemente montare l'ISA sulle motociclette”.

Tradotto dall'articolo originale sul sito FEMA - Tutti i diritti sono di FEMA

Coordinamento Italiano Motociclisti
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

© Riproduzione concessa citando la fonte e il link all'articolo.

Condividi la notizia

Submit to FacebookSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Statistiche del sito

Statistiche dal 13/05/2012

 

histats