Sab21092019

Aggiornamento:Lun, 29 Lug 2019 9pm

Back Sei qui: Home Difesa motociclisti Attività del CIM Guard rail / sicurezza Petizione sui guardrail: non ci fosse il Coordinamento...

Petizione sui guardrail: non ci fosse il Coordinamento...

GuardRail FFMC

….ma secondo voi la parola "coordinare" a cosa significa? E' on line una petizione avviata da Giuditta Del Prete in merito alla problematica dei guard rail salva motociclisti.

Vediamo di capirne meglio i contenuti, analizziamo il testo, cerchiamo di capirne meglio la finalità, non limitiamoci a subire l'aspetto emotivo della questione.

Il testo riporta: "Una delle più grandi piaghe legate all'utilizzo delle due ruote sulla strada è quella dei guardrail, che se da un lato impediscono alle automobili ed ai mezzi pesanti il salto di corsia in caso di incidente, tutt'altro effetto hanno sui motociclisti. 

L'impatto sulle barriere di metallo è molto spesso mortale per i centauri: da anni le associazioni motociclistiche si battono perché i guardrail siano sostituiti o almeno adeguati per far si che non si trasformino da protezioni ad armi letali per i motociclisti.

Dopo l'approvazione unanime alla Commissione Trasporti della risoluzione per l'adeguamento dei guardrail, adesso l'onere di attuare la risoluzione con una legge è del Governo.

Per il reperimento dei fondi necessari è sufficiente l'emanazione dei decreti attuativi della legge 120 del 29 luglio 2010 (che sono a tutt’oggi mancanti), in tal modo potrebbero confluire i ricavati delle contravvenzioni (!) sulle attività di manutenzione delle strade e quindi sul rinnovo dei guardrail con le opportune protezioni per i motociclisti.

Sostenere questa petizione significa dare voce alla rabbia di chi in una bella giornata di sole, tra amici o in solitaria, ha dovuto dire addio alla vita, troppo spesso ormai, per la negligenza di chi gestisce le strade! 

Le nostre firme per chiedere la trasformazione della risoluzione, già da un anno approvata, in legge con attuazione immediata. LE NOSTRE FIRME PER SALVAGUARDARE LE VITE DEI MOTOCICLISTI SULLE STRADE"

Per carità, la richiesta e la motivazione sono sacrosante sotto l'aspetto emotivo, e non possiamo che condividerla, ma come è formulata la stessa non ha molto senso e come sempre in questi casi si rischia di ottenere effetti poco concreti.

Si chiede che la risoluzione diventi legge... ma, ahimè, non funziona così.

Il primo problema è proprio nella risoluzione che ha proposto il M5S. In tanti l'hanno apprezzata, ma ci chiediamo in quanti l'abbiano letta con attenzione e cognizione di causa. Infatti la prima cosa da fare dovrebbe essere fare delle affermazioni corrette. Leggendo la risoluzione  del M5S si può leggere "Le stesse norme europee sui sistemi di ritenuta stradale ed, in particolare, quella sui guardrail (EN 1317-8) in definitiva non includono i motociclisti tra gli utenti stradali."

Da questa frase si direbbe che le idee non siano chiare. La norma relativa ai guard rail (chiamati "sistemi di ritenuta stradali") è la EN 1317 (senza altri numeri), composta da più parti.

Ad esempio la parte 5 è quella relativa ai veicoli in genere, la parte 6 è relativa ai pedoni, la parte 8 è quella specifica per la salvaguardia dei motociclisti.

Quindi la 1317-8 è quella che ci riguarda, ma purtroppo nel 2012 il Comitato Europeo di Normazione (CEN) non ha approvato questo punto come norma, ma lo ha relegato a specifica tecnica. Il fatto che non sia ancora una norma europea non ha però impedito che altri Paesi, come la Spagna, potessero recepire questa specifica e conseguentemente utilizzarla per i loro guard rail.

La mozione presentata dal M5S parla poi di "adeguamento di guardrail a prova di motocicli", ma se non si chiede prima di recepire la TS 1317-8, come si fa a stabilire come dovranno essere fatti dei "guardrail a prova di motocicli"? Viene proposto di montare degli attenuatori d'urto sui guard rail già esistenti, comuque un ottimo sistema per migliorare la situazione con dei costi contenuti, ma non si propone nulla per le nuove installazioni.

Permetteteci di essere poi pedanti: che senso ha dire "a prova di motocicli"? Non si dovrebbe parlare di "motociclisti"? Non a caso il titolo della TS 1317-8 è "Sistemi di ritenuta stradali motociclisti in grado di ridurre la severità dell’urto del motociclista in caso di collisione con le barriere di sicurezza".

Nella mozione si chiede quindi solo di "mettere una pezza", senza nemmeno specificare cosa utilizzare, ma di proporre che venga recepita la TS 1317-8 (la FEMA la sta sostenendo da anni!) in modo tale che tutte le future nuove installazioni vengano già realizzate con i guard rail salvamotociclisti, non se ne parla.

Cosa signiifica in pratica? Si continuerà a spendere del denaro per posizionare dei guard rail inadeguati, e poi spenderne ancora per mettere delle protezioni aggiuntive. Ma che senso ha?

La prima cosa da fare e da proporre sarebbe quindi che il Governo attraverso un suo preciso intervento legislativo, accetti in toto la TS 1317-8, anche se al momento è solamente una specifica tecnica, per realizzare guard rail conformi a questa norma.

Tornando alla risoluzione, può essere attuata con delle leggi specifiche solo dopo averla affrontata in una discussione in Parlamento, quindi la si deve inserire nella pianificazione delle sedute del Parlamento, ricordandosi però il dato che "sia stata firmata e che se ne parli" non vuole assolutamente dire che poi vengano promulgate delle leggi che intervengano ad hoc sui guard rail.

In fase di spendig review proporre di attuare la legge 120 del 2010 troverà una strada molto difficile, diventa arduo quindi definire dove trovare i soldi per l'attuazione di una eventuale normativa di questo genere, come prima cosa, e dopo avere fatto la legge stessa si deve fare il regolamento attuativo (come quello che manca alla legge 120...)

Per quanto lunga e contorta, questa è la strada da seguire per ottenere qualcosa di concreto: è giusto che si ponga la questione in modo "pesante" sui numeri ovvero fare "massa" per far capire ai politici qual'è il peso della categoria che chiede un intervento normativo, ma andrebbe fatto nel modo ottimale!

Appunto: "categoria", un qualcosa di omogeneo di coordinato in modo da avere quella massa critica che consenta di dare vita a leggi, regole che siano valide per quella stessa categoria che lo richiede in modo UNIVOCO, COORDINATO, OMOGENEO.

Si dice: "In Italia NON si riesce ad ottenere NULLA per i motociclisti e tutti ce l'hanno con loro che NON riescono ad essere tutelati!"

Forse perché agiscono in modo "scoordinato"? Forse perché prima di muoversi non si guardano intorno per vedere se qualcun'altro ha già compiuto delle mosse in tal senso e magari cercare di unirsi per dare più forza alle iniziative già messe in atto? Magari sfruttando anche l'esperienza di chi queste cose le segue da una bazzecola di tempo, ovvero più di ventanni....

Il Coordinamento Motociclisti ha visto in questi anni decine di iniziative a tutela dei motociclisti nascere e morire nello spazio di una manciata di giorni… forze inutilmente sprecate che troppo spesso hanno avuto come unico risultato l'aver creato attenzione attorno alla singola iniziativa (e alla persona che l'ha organizzata) senza però riuscire a portare reali vantaggi alla causa.

Siamo apolitici, non abbiamo esclusioni di sorta per scooteristi, enduristi, harleysti o cosa volete voi: non organizziamo il motoraduno della frittola, non facciamo correre gente in pista….

Chi vuole collaborare con noi per la TUTELA dei diritti dei motociclisti (TUTTI) può associarsi e LAVORARE attivamente per questo scopo: proponiamo quindi a Giuditta Del Prete, che ha dimostrato una così forte sensibilità, di unirsi a noi in qualità di SOCIO per fare INSIEME questa sacrosanta battaglia!

Ti aspettiamo a braccia aperte per COORDINARE la via migliore per giungere a risultati CONCRETI come abbiamo ottenuto in quei Comuni dove abbiamo sollecitato le Amministrazioni ad agire con un occhio di riguardo alla nostra categoria su questi temi specifici!

Lampeggi "coordinati"!

Coordinamento Italiano Motociclisti
Ufficio Comunicazione

Condividi la notizia

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Statistiche del sito

Statistiche dal 13/05/2012

 

histats