Ven22112019

Aggiornamento:Lun, 29 Lug 2019 9pm

Back Sei qui: Home Difesa motociclisti Attività del CIM I sondaggi Non sparate al motociclista!

Non sparate al motociclista!

VespaArmata

In realtà la frase originale si riferiva al pianista, ma pare che il Governo Renzi non abbia a buon cuore il nostro destino e ci stia sparando addosso!

No agli incentivi fiscali per l'abbigliamento tecnico di sicurezza (paraschiena, guanti, stivali), no agli incentivi per i mezzi meno inquinanti (bici e scooter con alimentazione elettrica, etc..), applicazione della tassa di proprietà (bollo) a mezzi fino a ieri definiti storici ed oggi non più, assicurazione "normale" quindi più cara per detti mezzi, insomma una raffica di costi gettati addosso a chi usa mezzi come i nostri.

A ciò si aggiunga il fatto che alcune Regioni, (in primis il Piemonte, il cui Presidente è coordinatore di tutte) hanno annunciato un aumento del bollo regionale (10% in media), ovvero della tassa di proprietà per auto e moto, visto che ne hanno facoltà.

E' un peso fiscale notevole che inciderà sul settore a tutto tondo il cui effetto sicuramente sarà un aumento delle demolizioni (quindi lo Stato incasserà comunque?), da parte di chi dovrà rivedere i propri bilanci in base alle priorità famigliari.

Certamente vi erano situazioni discutibili sull'utilizzo di mezzi che se, realmente storici, finalizzati a raduni d'epoca, ed invece erano in uso come mezzo di trasporto proprio per i bassi costi, ma allora perché non cercare di risolvere il problema dei tanti mezzi "normali" NON assicurati e NON sottoposti a revisione applicando la soluzione dell'incrocio delle banche dati di telecamere delle ZTL, velo, etc, come proposto in un primo tempo, soluzione poi "cassata" nell'iter della legge?

E' indubbio che "politicamente" la nostra categoria non pesa in quanto frammentata e non rappresentativa in modo unitario, ma TANTE (per fortuna!) sono le aziende ITALIANE che operano nel settore e che saranno comunque colpite da scelte simili!

E non parliamo solo dei "BIG" che sono ben rappresentati da ANCMA che fa ottimamente la sua parte (anzi fa anche la nostra in effetti…), ma parliamo di tutto quel mondo di restauratori, carrozzieri, piccole officine che già fanno fatica e che se il mercato della moto/auto storica si ridimensionasse nei numeri sarebbe una ulteriore "mazzata" all'economia nazionale.

Già una parte degli operatori del settore "customizzazione" si è spostata in Paesi più concilianti sulle norme di modifica dei veicoli, se ci perdiamo anche parte del settore "storico"….

Come MOTOCICLISTI vorremmo ANCHE noi fare la nostra parte per DIFENDERE e TUTELARE il settore, e siamo certi che MOLTI di NOI la pensano in modo analogo, ma cosa POTREMMO FARE???

Voi, che leggete, cosa pensate che sarebbe giusto fare?

Cosa sarebbe giusto fare?

Agire insieme come categoria, con ANCMA ed FMI? - 0%
Creare una forte associazione di categoria dei motociclisti? - 100%
Manifestare il disagio della categoria al Governo? - 0%
Non fare nulla ed "arrangiarsi" all'italiana ognun per sé? - 0%

Voti Totali: 3
Il sondaggio è finito il: 19 Dic 2015 - 00:00

Mettere eventuali commenti prima del voto.

(Se non funzionasse il sistema di voto, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., e per dire la vostra mettete un commento in fondo all'articolo, anche se breve)

Ci sono molto modi di comunicare oggi, dai social network, alla rete in generale (blog, forum, etc…), per cui dite la vostra, anche se "non ve ne frega niente", ma comunque la prima domanda a cui dovremmo rispondere tutti: TI INTERESSA IL SETTORE DEL MOTOCICLISMO, INTESO COME RISORSA ECONOMICA NAZIONALE?

Per noi sovente è passione e divertimento quindi relax, ma in realtà parliamo anche di posti di lavoro, di prodotto interno lordo, sovente anche di eccellenze nazionali: è giusto farci del male così?

Grazie per la vostra partecipazione, come sempre!

Coordinamento Italiano Motociclisti
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Partecipate al nostro progetto per la tutela dei motociclisti :
http://www.derev.com/supportacim

© Riproduzione concessa citando la fonte e il link all'articolo.

Condividi la notizia

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Statistiche del sito

Statistiche dal 13/05/2012

 

histats