Sab04042020

Aggiornamento:Gio, 13 Feb 2020 9am

Back Sei qui: Home Notizie Notizie motociclistiche Altre notizie Non ci sono più le moto giapponesi di una volta?

Non ci sono più le moto giapponesi di una volta?

Arruggi Moto

Affidabilità è uno dei motivi che portano molti motociclisti a comprare le moto concepite ed assemblate nella patria del Sol Levante, ma è ancora così?

Addirittura l'Unione Europea entra a gamba tesa su problemi di un modello Suzuky, e non è un difettuccio da poco, anche se la serietà della casa nipponica è tale da poter intervenire prontamente!

 

E' un vero allerta per la Sicurezza stradale quello che ha lanciato la Commissione europea. 

Suzuki GSX: pericolosa a causa di problemi meccanici necessario un richiamo in officina.

Il Rapex (sistema comunitario di informazione rapida sui prodotti non alimentari), il 31 ottobre scorso ha pubblicato la segnalazione tra i prodotti pericolosi inclusi nella lista dei "serious risk" ossia di quelli più a rischio (n° di rif. 22 - A12/1709/14), dei modelli di motocicletta GSX-R750/Z L1-L4, Z/GSX-R1000 K9-L4, per un problema meccanico che potrebbe essere causa di un sinistro stradale. 

In particolare il rischio segnalato riguarderebbe testualmente la circostanza che "durante il funzionamento del cambio, l'ingranaggio della coppia viene trasferita alla ruota motrice, all'assale posteriore e al regolatore della catena della trasmissione. A causa di questa forza e resistenza insufficiente, il regolatore della catena può deformarsi, e nel peggiore dei casi può comportare l'uscita della catena dalla trasmissione dalle ruote dentate.Questo potrebbe portare ad un rischio di incidente e provocare lesioni"

A seguito di tale allerta europea Giovanni D'Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti” evidenzia come si renda necessario un intervento da parte della storica casa motociclistica affinché provveda al richiamo urgente dei modelli indicati per evitare potenziali problemi di sicurezza stradale, come risulta dalla scheda di segnalazione pubblicata a questo indirizzo internet

In Italia i proprietari potrebbero ricevere la raccomandata con la richiesta di passare presso una officina autorizzata Suzuki  per l'intervento. Al momento Suzuki non ha rilevato incidenti legati a questo difetto.

È necessario, quindi, prestare la massima attenzione e rivolgersi alle autofficine autorizzate o ai concessionari della Suzuki nel caso in cui la propria moto corrisponda al modello in questione. 

Al singolo proprietario, infatti, non costa nulla tale tipo di verifica e nel caso in cui la propria moto sia oggetto del richiamo, l’intervento previsto è a totale carico della casa motociclistica. 

In ogni caso non si salva più nessun marchio ed i richiami ormai riguardano tutti  dai più blasonati agli ultimi arrivati, ormai a livello "globale"!

Mal comune....mezzo gaudio!

Coordinamento Italiano Motociclisti
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Partecipate al nostro progetto per la tutela dei motociclisti :
http://www.derev.com/supportacim

© Riproduzione concessa citando la fonte e il link all'articolo.

Condividi la notizia

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Statistiche del sito

Statistiche dal 13/05/2012

 

histats