Mar07042020

Aggiornamento:Gio, 13 Feb 2020 9am

Back Sei qui: Home Notizie Notizie motociclistiche Altre notizie Autodromo di Monza: stop alle gare in moto

Autodromo di Monza: stop alle gare in moto

Monza

Stop alle gare di moto in autodromo. La Federazione motociclistica internazionale ha revocato l'omologazione alla pista di Monza. La decisione arriva a seguito dell'inchiesta della Procura di Monza sulle bolle d'asfalto alla curva parabolica.

L'inchiesta aveva preso il via dalle intercettazioni fatte dalla Procura brianzola che aveva predisposto la raccolta di prove per una precedente indagine per reati di natura fiscale, di turbativa d'asta e di violazione della sicurezza durante la gara delle Superbike dello scorso maggio. Nelle intercettazioni erano coinvolti il direttore generale dell'autodromo Enrico Ferrari (incarico che ricopre dal 1979) e il direttore tecnico Giorgio Beghella Bartoli, oggi entrambi indagati. Beghella Bartoli è anche sospeso dall'incarico.

Col disco rosso imposto dalla Federazione internazionale rischiano di saltare gli appuntamenti in programma sul circuito lombardo.

Ma Paolo Flammini, amministratore delegato Infront (che gestisce il campionato della Superbike) minimizza: "La perdita dell'omologazione è dovuta esclusivamente ai problemi riscontrati sull'asfalto della parabolica. Se questi saranno sanati in tempo per disputare la formula uno a settembre, non ci sarà alcun problema a riottenere i permessi Fim per il 2013. Ovviamente saranno gli ispettori a valutare l'adeguatezza delle modifiche".

Sulla decisione della Federazione è critico Paolo Guaitamacchi, presidente della Sias, la società di Aci Milano che gestisce il circuito monzese.

"Mi pare un provvedimento abbastanza irrituale- precisa- perchè il ritiro dell'omologazione, così come il rilascio, dovrebbe avvenire dopo un sopralluogo. Mentre in questo caso la decisione è stata presa sulla base delle notizie di natura giudiziaria apprese durante la convocazione in Procura. Inoltre con la Federmoto italiana e la Csai, la commissione sportiva automobilistica italiana, ci eravamo già accordati per avere la consulenza di alcuni esperti e procedere con la messa in sicurezza dell'asfalto".

Guaitamacchi conferma che, comunque, lunedì partiranno i lavori di sistemazione dell'asfalto, cantieri che resteranno aperti per un mese.

A quel punto la Sias chiedera un sopralluogo alla Federazione motoristica internazionale per riottenere l'omologazione. Nella speranza, è proprio il caso di dirlo, che, sull'autodromo, non piova più sul bagnato. Giovedì prossimo la Sias riunirà il consiglio d'amministrazione per la revoca dell'attuale direttivo e la nomina dei nuovi amministratori. Sempre la prossima settimana il cda dovrebbe ascoltare Enrico Ferrari e Giorgio Beghella Bartoli.

Fonte http://www.ilcittadinomb.it
14/7/2012

 

 

Condividi la notizia

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Statistiche del sito

Statistiche dal 13/05/2012

 

histats