Dom19082018

Aggiornamento:Mar, 03 Apr 2018 1pm

Back Sei qui: Home Notizie Notizie motociclistiche Autostrade e pedaggi La cosa non ci riguarda…

La cosa non ci riguarda…

PedaggioEuropeoUnico

Così, tanto per la cronaca, ma solo per fare un po' di gossip… pare che tra le maglie delle "riforme" che si stanno discutendo potrebbe esserci una revisione della elaborazione delle tariffe dei pedaggi autostradali.

Nello specifico la cosa potrebbe interessare i mezzi a due ruote ed un motore (se preferite il termine "scooter" barrate la casella con la crocetta |_| , se preferite "motocicletta" sbarrate qui |_| ).

Per ora è solo una voce di corridoio che proviene dal "palazzo" non ancora confermata, ma nell'ambito della revisione di tutto il sistema italiano che il governo vuole attuare per "portare il Paese in Europa" in cambio di maggiore flessibilità sul "rigore" voluto dai partners europei, potrebbe aprirsi un capitolo legato al sistema di tariffazione dei pedaggi autostradali.

Che ricordiamo, per quanto ci riguarda, è ANOMALO rispetto agli altri partneri Europei.

Il sistema della gestione delle nostre Autostrade è un po' a scatole cinesi dove abbiamo gestori di singole tratte della rete che a loro volta hanno rapporti stretti con chi ha la manutenzione della stessa…. sigle come AISCAT, Autostrade per l'Italia, Atlantia, etc… vedono poi la "parcellizzazione" dei tratti sotto le sigle ATIVA, o altre legate a tratte regionali specifiche.

Nel quadro di una "spending review" che deve far COSTARE meno "tutto" in quanto la pressione fiscale è intollerabile, difficile che non si debbano toccare i tanti (troppi) Consigli di amministrazione delle tantissime società che fanno capo a questo sistema.

Inoltre: il sistema di pedaggi in Europa è più orientato al sistema delle "vignette" con acquisto di bollino da applicare sul parabrezza, piuttosto di un sistema di esazione complesso come il nostro.

Quale che sia il sistema che verrà adottato è probabile che proprio la situazione delle due ruote ed un motore (se preferite il termine "scooter" barrate la casella con la crocetta |_| , se preferite "motocicletta" sbarrate qui |_| ), sarà rivista in quanto già nelle zone di confine (tunnel) le moto pagano di meno delle auto (categoria non unificata ma differenziata) proprio per la inevitabile "interfaccia" con Paesi che applicano questo sistema di pedaggio.

La cosa, però,in effetti, a guardare bene,  non ci riguarda più di tanto, in quanto alla maggioranza dei motociclisti italiani questo non tocca praticamente per nulla in quanto POCHI, POCHISSIMI di loro fanno percorsi sulle autostrade italiane

Almeno, questo è quanto ci hanno risposto molti motociclisti italiani quando abbiamo lanciato la nostra petizione per richiedere di abbattere i costi dei pedaggi autostradali per le motociclette…

Ma se NON facciamo l'autostrada la richiesta è inutile, superflua si potrebbe dire, quindi evitiamo di fare richieste che NON interessano ai praticanti, alla categoria, e dedichiamoci ad altro di più utile.

Non trovate?

Qualora invece riteniate che l'iniziativa del C.I.M. per la richiesta di pedaggi autostradali più consoni alle motociclette, beh...sosteneteci iscrivendovi al C.I.M..... vi costerà SOLAMENTE poco più di un caffé al mese....

Coordinamento Italiano Motociclisti
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

© Riproduzione concessa citando la fonte e il link all'articolo. 

Aggiungi commento

Per inserire un commento devi immettere nome ed e-mail (che non verrà pubblicata).
Il messaggio dovrà poi essere approvato.
Se ti registri al sito non sarà più necessaria l'approvazione.


Codice di sicurezza
Aggiorna

Commenti   

0 #2 Paolo Lesca 2014-07-14 20:55
In effetti chi con le due ruote ed un motore l'autostrada la paga così, come in Marocco d'altra parte, poi supera il muro di Berlino, pardon, le Alpi e scopre che gli ALTRI Paesi SONO in Europa, noi no.
Ma le colpe sono nella categoria nostra che non fa "sostanza", che non fa pressione cioè numeri, ognuno pensa per sé... e se paga una quota lo fa per avere "servizi" non per coscienza!
Citazione | Segnala all'amministratore
0 #1 mauro65 2014-07-14 03:04
appena venuto a conoscenza della petizione ho firmato; è sconcertante, quando si viaggia in europa, vedere la differenza di trattamento che hanno i motociclisti dei vari paesi del nordeuropa da chi li governa rispetto a come noi siamo abituati ad essere trattati dai nostri governanti, a partire dai pedaggi autostradali. E forse è giusto che sia così un popolo che accetta tutto supinamente anche palesi ingiustiizie non può che aspirare ad avere un governo che si fa beffa dell'equità e della giustizia.
Nell'ultimo viaggio effettuato nel mese di giugno tratta autostradale firenze-gorizia 30€ - Slovenia 7,5€ per 7gg - Ungheria 5,25€ per 10gg - Croazia 100km meno di 4€
Citazione | Segnala all'amministratore

Condividi la notizia

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Statistiche del sito

Statistiche dal 13/05/2012

 

histats