Lun23072018

Aggiornamento:Mar, 03 Apr 2018 1pm

Back Sei qui: Home Notizie Notizie motociclistiche Autostrade e pedaggi Quer pasticciaccio brutto della Bre-Be-Mi..

Quer pasticciaccio brutto della Bre-Be-Mi..

BreBeMi

Un’autostrada inutile? Probabilmente sì, ma sicuramente ne pagheremo tutti il conto, come sempre, loro fanno i pasticci che pesano sulle gobbe di noi gonzi che stiamo sempre zitti!

La società che gestisce questa assurda autostrada sta per rimettere la concessione.

Il debito da 2 miliardi di euro con gli istituti sarà saldato direttamente o indirettamente dal Tesoro: nel contratto una clausola che impone il debito alla Cassa depositi e prestiti ed alla sua controllata Sace.

 

Rimettere la concessione pubblica nelle mani dello Stato. È una delle ipotesi che la società Brebemi sta valutando per cercare di uscire indenne dal pasticcio della direttissima Brescia-Bergamo-Milano. Inaugurata il 23 luglio scorso, la prima autostrada italiana costruita (sulla carta) con capitale «privato» si è rivelata un flop e chi l’ha costruita ora corre ai ripari. 

La società che gestisce Brebemi, sta valutando diverse possibilità ed una di queste prevede, come accennato, l’uscita dal casello. Il progetto è stato finanziato dalle banche e pure con denaro  pubblico, visto che ben 830 milioni di euro sono stati messi sul piatto dalla Cassa depositi e prestiti, il fondo sovrano italiano controllato dal Tesoro. 

Quando la Cdp si è seduta al tavolo, ha portato in «dote» pure una  garanzia pubblica, dunque più ampia del suo investimento. Senza dimenticare che attraverso la sua controllata Sace, la stessa Cassa «copre» con un’assicurazione i 700 milioni di finanziamento targato Bei (Banca europea degli investimenti).  

Nell’ipotesi di addio da parte di Brebemi, le banche finanziatrici si rifarebbero sulla galassia pubblica italiana per una cifra di 2 miliardi di euro.  Che quindi pagheremmo noi tutti!

Il rischio è che il flop dell’operazione Brebemi e Cdp possa rappresentare un deterrente per gli investimenti stranieri sui quali il governo punta per rilanciare l’economia italiana.

Che figuuuuuuura! 

Coordinamento Italiano Motociclisti
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

© Riproduzione concessa citando la fonte e il link all'articolo. 

Aggiungi commento

Per inserire un commento devi immettere nome ed e-mail (che non verrà pubblicata).
Il messaggio dovrà poi essere approvato.
Se ti registri al sito non sarà più necessaria l'approvazione.


Codice di sicurezza
Aggiorna

Commenti   

0 #3 Emanuele Buratti 2014-11-16 22:16
Scusa Andrea ma ce li vedi gli italiani a scendere dal loro feticcio di lamiera? A chiacchiere sono tutti ben disposti finchè si rimane per l'appunto a livello di chiccchiere per poi svanire quando si deve fare sul serio.
Citazione | Segnala all'amministratore
+1 #2 andrea harley 2014-11-12 05:50
Brescia (grande città,quindi pù pù e ripù) Bergamo,e Milano (come sopra) . Ma pensare a un trasporto su rotaia serio (magari imposto per legge ) e piantarla lì con ste prigioni d'asfalto piene di ingorghi incidenti e carissime no? E' troppo difficile?
Citazione | Segnala all'amministratore
+1 #1 Pasquale G. 2014-11-11 22:09
Le autostrade italiane sono state costruite con soli pubblici e cedute ai privati, in conclusione le paghiamo due volte. Più ebeti di noi italiani non c'e nessun popolo. :o
Citazione | Segnala all'amministratore

Condividi la notizia

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Statistiche del sito

Statistiche dal 13/05/2012

 

histats