Sab21042018

Aggiornamento:Mar, 03 Apr 2018 1pm

Back Sei qui: Home Notizie Notizie motociclistiche Autostrade e pedaggi Il contenzioso sui tutor di Autostrade per l’Italia: pagheremo di nuovo noi?

Il contenzioso sui tutor di Autostrade per l’Italia: pagheremo di nuovo noi?

Tutor

A dicembre si aprirà il processo che vede Autostrade per l’Italia contro due informatici che vantano la paternità del Tutor: il creatore del programma informatico chiamato Sicve, e l’attuale proprietario dello stesso, che secondo loro è  quello utilizzato dai Tutor installati sulle autostrade, e di conseguenza hanno fatto causa alla società Autostrade per l’Italia accusandola di utilizzare un sistema copiato dal loro. 

A sua volta Autostrade per l’Italia ha denunciato i due perché ritiene che la loro richiesta sia ingiustificata e le loro reiterate iniziative con richieste di indennizzi risultino diffamatorie nei suoi confronti. Una questione enorme: il risarcimento richiesto è di 7 miliardi e mezzo di euro

I due informatici protagonisti della vicenda sono Romolo Donnini e Alessandro Patané, rispettivamente creatore e proprietario del software Sicve, al centro della contesa. 

In pratica i giudici sono stati coinvolti perché stabiliscano se davvero il sistema impiegato dai Tutor installati sulle arterie autostradali di Autostrade per l’Italia sia riconducibile al software dei signori Donnini e Patané. Il Tribunale si trova infatti davanti ad una parte che richiede di veder riconosciuti dei suoi diritti, e dall’altra una parte che nega tale riconoscimento e anzi ha fatto istanza affinché le richieste dei due vengano esplicitamente e definitivamente riconosciute infondate così da porre fine alla questione.

Se è semplice comprendere le richieste di Donnini e Patané (essi ritengono che il sistema dei Tutor utilizzi un loro programma) più complessa è l’istanza della società Autostrade per l’Italia. Essa infatti fa riferimento al fatto che i due hanno inoltrato le loro richieste “tardivamente” e che per di più le richieste stesse sono inammissibili e infondate nel merito. 

Da notare che la storia cominciò nel 1999, quando la società Craft, proprietà di Romolo Donnini, sviluppò e brevettò un “sistema di sorveglianza e controllo del traffico su strade e autostrade”.  Il sistema brevettato dalla Craft prevede appunto il controllo della velocità media dei veicoli attraverso i rilevamenti d’ingresso e di uscita degli stessi in un dato tratto di strada. Proposto il sistema sia alla società Autostrade per l’Italia che alla Polizia stradale, la società Craft non ebbe alcuna risposta. 

Ma nel 2004 la società Autostrade annunciava la messa a punto di un sistema capace di rilevare la velocità media dei veicoli in un modo tale che per il signor Donnini era sostanzialmente lo stesso del suo programma proposto nel 1999. Tra i due sistemi ci sono comunque differenze concrete e acclarate: in quello della Craft l’attivazione del rilevamento avviene in seguito alla percezione dei raggi luminosi emessi dai veicoli, mentre nei Tutor della società Autostrade, “l’innesco” del funzionamento avviene ad opera di sensori annegati nell’asfalto.

Dal punto di vista legale, la vicenda ha avuto diverse fasi: in un primo momento Donnini ha chiesto un indennizzo di 1,5 milioni e Autostrade gliene ha proposto 150 mila. 

Il richiedente ha respinto l’offerta ed ha avviato la causa legale per contraffazione di brevetto. Di fronte all’iniziativa di Donnini, la società Autostrade nel 2006 ha ritirato la sua domanda di brevetto pur sostenendo che il proprio sistema è originale e non utilizza quello della Craft. Non solo, Autostrade ha anche chiesto l’annullamento del brevetto della Craft, sostenendo che nel mondo vi sono altri dispositivi analoghi precedenti il brevetto Craft. 

Nel 2008 la Craft (cioè il signor Donnini) ha ceduto la proprietà del brevetto del sistema al signor Patané che ha “alzato il tiro” ampliando l’ambito della vicenda e delle presunte irregolarità compiute da Autostrade, appunto sino ad arrivare all’enorme richiesta di indennizzo di 7,5 miliardi. 

Dunque una vicenda per molti versi semplice, che però non stupirà se andrà avanti ancora per molto tempo prima di trovare una risoluzione: la paura è che i “conti” finali della vicenda li pagheranno, come sempre, gli utenti finali dell’autostrada in uno dei tanti “rincari” annuali.

O no?

Coordinamento Italiano Motociclisti
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Partecipate al nostro progetto per la tutela dei motociclisti :
http://www.derev.com/supportacim

© Riproduzione concessa citando la fonte e il link all'articolo. 

Aggiungi commento

Per inserire un commento devi immettere nome ed e-mail (che non verrà pubblicata).
Il messaggio dovrà poi essere approvato.
Se ti registri al sito non sarà più necessaria l'approvazione.


Codice di sicurezza
Aggiorna

Commenti   

0 #4 romolo donnini 2014-11-23 16:23
buonasera, per chi volesse conoscere qualche cosa in più sulla vicenda : http://mauriziocaprino.blog.ilsole24ore.com/2011/08/13/quella-pubblicita-di-autostrade-che-dribbla-la-spina-del-tutor/#sthash.rnEi52x3.dpuf
Citazione | Segnala all'amministratore
0 #3 Paolo Lesca 2014-11-20 22:11
Buongiorno Ing,Patanè! Grazie per la precisazione, non eravamo al corrente di questo aspetto della vicenda e vedremo di correggere l'articolo integrando con questa notizia, per quanto essendo la vicenda oggetto di un lungo iter legale, in attesa che la magistratura si esprima, è difficile per chi è all'esterno della vicenda stessa comprendere come potrà finire. Il nostro timore è che sarà il cittadino italiano a dover aprire il portafoglio.
Speriamo di essere smentiti.
Citazione | Segnala all'amministratore
0 #2 Alessandro Patanè 2014-11-20 18:51
Salve, sono Alessandro Patanè, la persona che è stata citata dalle società del gruppo Atlantia spa relativamente alla vicenda del Sicve Tutor e Vergilius (quello in uso sulla rete Anas). Dall'articolo non emerge che il sottoscritto ha fornito il software del sistema Sicve omologato dal Ministero dei Trasporti per Autostrade per l'Italia spa il 24/12/2004. La fornitura del software (di cui la mia azienda ne detiene la proprietà intellettuale) è avvenuta dal settembre 2004 e priva di adeguata copertura contrattuale atta al trasferimento della proprietà intellettuale del software. Le società del gruppo Atlantia non sono mai state autorizzate sia reingegnerizzare il nostro software come neppure a rivenderlo. In questa situazione oltre che alla contraffazione del sistema - come da brevetto Craft - è stato contraffatto anche il software. Pertanto alle società del gruppo Atlantia riuscire a dimostrare l'inesistenza di doppia contraffazione, ma se ciò non avvenisse? ai lettori la risposta.
Citazione | Segnala all'amministratore
0 #1 Davide18 2014-11-16 09:26
Cominceremo già ad anticiparli al prossimo rincaro,poi se andrà male per i signori Donnini e Patanè il gruzzoletto resterà in mano loro...italian style,come al solito
Citazione | Segnala all'amministratore

Condividi la notizia

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Statistiche del sito

Statistiche dal 13/05/2012

 

histats