Lun16092019

Aggiornamento:Lun, 29 Lug 2019 9pm

Back Sei qui: Home Notizie Notizie motociclistiche Cronache stradali Difendiamoci dai furti di moto!

Difendiamoci dai furti di moto!

Tagliacatenamoto

L'allarme ormai è di quelli da non sottovalutare e solo un forte coordinamento tra chi ha un mezzo a due ruote ed un motore  e le forze dell'ordine ci può aiutare!

Tra le tante trovate della malavita ora si è diffuso il sistema della "colla" e dobbiamo mettere in atto una attenzione massima!

Come usano la colla per rubarti la moto?

Il nuovo espediente per rubare agevolmente una moto è diabolico nella sua semplicità: i ladri riempiono il blocchetto di accensione della moto con un tubetto di colla a presa rapida, impedendo quindi al legittimo proprietario di metterla in moto e conseguentemente di spostarla; nella notte i ladri tornano sul luogo dove è parcheggiata la moto e senza alcun disturbo la caricano su un camion. 

Trovare della colla nel blocchetto di accensione della propria moto non è quindi uno scherzo di pessimo gusto, ma una precisa strategia adottata dai ladri per impedire lo spostamento del mezzo.  

Dopo il metodo della doppia catena, spiegato più avanti, un nuovo pericolo per le nostre moto, sempre più a rischio.

Cosa fare quindi se si trova la colla nella moto?

Nel caso trovaste della colla nel blocchetto di accensione della vostra moto la prima operazione da compiere è spostare la moto dal luogo in cui si trova, in modo da impedire ai ladri di poter tornare nella notte ed individuarla facilmente. 

Probabilmente sarà necessario chiamare un carro attrezzi, ma la spesa per esso sarà sicuramente minore rispetto a quella da sostenere per acquistare una nuova moto. 

Dopo aver spostato la moto è bene portarla da un carrozziere per far sciogliere la colla, evitando soluzioni fatte in casa che potrebbero compromettere ulteriormente l’integrità del blocchetto di accensione.

Più semplice la soluzione nel caso in cui trovaste una catena non vostra a bloccare la vostra moto, altro modo per impedirvi di spostarla: in questo caso l’opzione migliore è munirsi di tenaglie e rompere la catena oppure chiamare un fabbro, che con una modesta spesa potrà facilmente risolvere il problema.

Assicurare per furto la moto

I furti di moto e scooter sono in netto aumento, soprattutto per quanto riguarda i modelli più popolari e costosi  come l’Honda SH, lo Yamaha T-Max e i BMW, per questo può essere utile assicurare la vostra moto per incendio e furto.

Nel caso le cose si mettessero male (fate gli scongiuri) n servizio utile per ritrovare il vostro mezzo rubato è quello offerto dal Ministero dell'interno al sito: 

http://coordinamento.mininterno.it/servpub/ver2/SCAR/cerca_targhe.htm

E' un dato di fatto che per fortuna le Forze dell'Ordine sono molto attive ed è notizia recente quella della scoperta di un vero e proprio  supermercato delle moto rubate a Milano.

Era in via Ribordone al n°21, zona Barriera di Milano, tra corso Romania e lungostura Lazio, a poche centinaia di metri dall’autostrada e dalla caserma dei vigili del fuoco. 

Proprio loro sono intervenuti su richiesta degli agenti della Volante per aprire i garage della titolare di «Pianeta moto 2000», attività gestita assieme al marito: dentro c’erano decine di moto, telai, motori, targhe. Quasi tutto materiale rubato. 

La centrale operativa del 113 ha guidato i poliziotti della Volante sul posto seguendo le tracce di una Ducati di grossa cilindrata, appena rubata. 

Il proprietario aveva installato un allarme satellitare, che ha segnato tutto il percorso fatto da chi aveva rubato la moto. 

Così, la pattuglia è riuscita a rintracciare la moto, passata da via Ivrea e andata a fermarsi in via Ribordone. 

Lì c’è il garage di «Pianeta moto 2000», con dentro 13 moto rubate. 

E poco distante, altri due box, dove erano custoditi 22 moto e 34 telai rubati assieme ad altri 8 di dubbia provenienza, 17 con matricola abrasa, 47 motori «sospetti», 11 targhe rubate. 

Marito e moglie sono stati denunciati per ricettazione. 

Sul telefono dell’uomo, poi, la polizia ha trovato svariati messaggi in inglese: il sospetto è che fossero comunicazioni con acquirenti delle moto rubate da «piazzare» sul mercato estero.

Massima attenzione quindi e magari pensate fin da ora ad installare un antifurto satellitare….il costo potrebbe rivelarsi un ottimo investimento! 

Coordinamento Italiano Motociclisti
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

© Riproduzione concessa citando la fonte e il link all'articolo.

Condividi la notizia

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Statistiche del sito

Statistiche dal 13/05/2012

 

histats