Dom26062022

Aggiornamento:Mar, 23 Nov 2021 4pm

Back Sei qui: Home Notizie Notizie motociclistiche Dal mondo Il cellulare alla guida, uccide! Più della moto!

Il cellulare alla guida, uccide! Più della moto!

CellUccide

E' un dato di fatto al punto che in alcuni Paesi c'è il carcere per chi viene colto alla guida mentre usa il cellulare ed il fatto ormai non è più il "parlare".

Distrarsi anche solo un secondo mentre si è al volante può essere davvero pericoloso: ecco quindi il video della forte campagna di educazione civica ideata dal dipartimento dei trasporti nazionali americani.

Tutti sappiamo che scrivere un SMS mentre siamo alla guida è pericoloso, ma molti lo fanno ugualmente semplicemente perché la tentazione di rispondere subito ad un messaggio appena arrivato è troppo forte: quest’azione porta ogni anno quasi 424.000 morti solo negli USA, secondo le statistiche del paese.

Il Segretario ai Trasporti Anthony Foxx dell’U.S. Department of Transportation’s National Highway Traffic Safety Administration sta cercando di sensibilizzare gli utenti attraverso una nuova campagna televisiva e radiofonica nazionale che mostra senza troppi fronzoli cosa può succedere per una breve distrazione di questo tipo.

“Stiamo lanciando questa campagna per cambiare il comportamento degli utenti alla guida, proprio come abbiamo già fatto in passato con le cinture di sicurezza. Vogliamo che le persone che guidano un’automobile sappiano qual’è il prezzo che si paga inviando un SMS in tali condizioni, perché ogni secondo senza guardare la strada è davvero pericoloso. Tanti pensano di poter usare i dispositivi e guidare allo stesso tempo. La verità è che non si può” ha raccontato Foxx ad un giornalista del Washington Post.

“Una combinazione tra qualche buona legge ed una forte campagna di educazione pubblica può davvero cambiare il comportamento degli utenti alla guida” ha raccontato David Friedman, amministratore della National Highway Traffic Safety Administration “Hanno cominciato ad usare le cinture di sicurezza quando hanno scoperto che c’erano delle multe da pagare se non lo facevano, e che c’era la possibilità di passare una notte in prigione se si veniva sorpresi a guidare in stato di ebrezza”.

La campagna pubblicitaria nazionale, dal costo di 8,5 milioni di dollari, comincerà a circolare negli USA a partire dal 10 aprile, ma può essere vista in anteprima nel video YouTube che vi riportiamo qui

Tu guidi, tu scrivi e tu PAGHI!

Andrebbe benissimo per un sacco di cose che riguardano anche la moto ovviamente!

Coordinamento Italiano Motociclisti
Ufficio Comunicazione

Condividi la notizia

Submit to FacebookSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Statistiche del sito

Statistiche dal 13/05/2012

 

histats