Dom26062022

Aggiornamento:Mar, 23 Nov 2021 4pm

Back Sei qui: Home Notizie Notizie motociclistiche Dal mondo Svizzera: definito il concetto di pirata della strada.

Svizzera: definito il concetto di pirata della strada.

RoadCross CH

Il progetto Via Sicura soddisfa Road Cross : iniziativa referendaria ritirata.

Road Cross si dice soddisfatta del fatto che con l'entrata in vigore di "Via sicura" finalmente "i pirati della strada senza scrupoli saranno puniti più severamente". La nuova legge sulla circolazione stradale è andata in porto durante la sessione estiva delle Camere federali svizzere.

Essa prevede che chi commette infrazioni molto gravi venga punito con la detenzione fino a quattro anni, uno in più rispetto al diritto attuale. Queste sanzioni colpiranno gli automobilisti che viaggiano a più di 70 chilometri orari nelle zone con limite di 30 km/h, a 100 km/h nelle zone a 50 e a più di 140km/h dove il limite è di 80km/h. Inoltre potrà essere loro confiscato il veicolo.

La nuova legge obbligherà gli automobilisti ad accendere i fari anche di giorno. Chi avviserà gli altri utenti della strada che sono in corso controlli radar potrà essere sanzionato con una pena massima di 180 aliquote giornaliere. L'iniziativa popolare di Road Cross era stata consegnata alla Cancelleria federale il 27 aprile 2010 con 105'763 firme valide. Il testo esigeva in particolare condanne da uno a quattro anni di prigione per chi intenzionalmente partecipa a corse-inseguimento o effettua sorpassi temerari, che possono mettere in pericolo la vita o l'integrità altrui. Chiedeva pure la confisca del veicolo e la sua rivendita per aiutare le vittime della strada. Nel caso di una prima infrazione grave alle norme della circolazione, il veicolo sarebbe sequestrato per almeno due anni e a vita in caso di recidiva.

Nella norma approvata a livello Federale viene difatti definito il concetto di "pirata della strada" e se le violazioni effettuate identificano il trasgressore in questa categoria scattano le pesanti sanzioni indicate : si tenga presente che gran parte della rete viaria svizzera è sotto il controllo di telecamere e che è proibita la mappatura pubblica delle postazioni fisse degli autovelox.

Questo dimostra che vi sono Nazioni dove il concetto di prevenzione degli incidenti ha una sua logica ed altre dove si preferisce ricorrere a termini come "tragica fatalità" e strapparsi le vesti piangendo come nella tragedia greca : due concetti molto differenti di "società organizzata"….

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.">Coordinamento Italiano Motociclisti
Ufficio Stampa

Condividi la notizia

Submit to FacebookSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Statistiche del sito

Statistiche dal 13/05/2012

 

histats