Dom26062022

Aggiornamento:Mar, 23 Nov 2021 4pm

Back Sei qui: Home Notizie Notizie motociclistiche Dal mondo La FEMA intervista Rune Elvik

La FEMA intervista Rune Elvik

RuneElvik

Rune Elvik è professore di studi sulla sicurezza stradale presso Università di Aalborg (Danimarca) e l'Università di Lund (Svezia). Le sue principali aree di ricerca comprendono la valutazione degli effetti delle misure di sicurezza stradale, la sintesi della ricerca attraverso meta-analisi, e le analisi costi-benefici.

Dal 1994, è stato Chief Research Officer presso l'Istituto di Economia dei Trasporti (Norvegia) svolgendo il compito di analisi dei rischi e l'analisi costi-benefici. 

Nel 2007, ha condotto uno studio sugli effetti del controllo tecnico periodico in Norvegia, che hanno dimostrato che le norme di controllo più severe per le auto si sono effettivamente tradotte in un miglioramento delle condizioni tecniche della vettura, ma senza incidere sul tasso degli incidenti.

FEMA: Dott. Elvik, nel 2007 lei e la sua collega Peter Christensen avete realizzato uno studio che ha esaminato gli effetti della revisione tecnica periodica (RWT) sulle autovetture in Norvegia. Secondo i risultati l'effetto desiderato, ovvero  l'abbassamento dei tassi di incidenti non è stato rispettato. Come si spiega questo risultato?

E: Non sappiamo cosa abbia causato questo risultato, ma pensiamo che possa avere a che fare con l'adattamento del comportamento tra gli automobilisti. In altre parole, coloro che sanno che la loro auto è difettosa, guidano con più prudenza. Una volta che l'auto viene riparata, il comportamento può diventare volto ad una minore attenzione. Naturalmente, documentare tali cambiamenti nel comportamento è difficile.


FEMA: Si tratta di un fenomeno solo norvegese, ovvero il beneficio o meno della revisione può essere messo in discussione in altre Nazioni?

E: Gli effetti della revisione tecnica non sono stati studiati in molti Paesi, e per quanto posso ricordare solo la Norvegia, la Svezia, gli Stati Uniti e la Nuova Zelanda sono tra questi. Purtroppo la maggior parte di studi sono abbastanza incompleti e non ci si può fidare delle conclusioni.


FEMA:
Oltre alla revisione tecnica periodica (RWT), quali altre misure popolari volte a migliorare la sicurezza stradale, tendono ad essere realizzati e promossi in Europa?

E: L'industria automobilistica ha promosso il sistema frenante ABS come misura di sicurezza sulle auto, ma la sola efficacia dei freni non riduce il rischio di un incidente. Tuttavia, la ricerca recente suggerisce che il sistema ABS potrebbe essere più efficace in questo senso sulle moto.


FEMA:
Come mai i risultati di studi e di confronti come il vostro volti a misurare gli effetti del prima e del dopo di una misura di sicurezza sembrano essere ignorati dalle istituzioni?

E: Penso che alcune misure inefficaci vengono comunque prese a seguito di pressioni legate ad interessi commerciali. Questo vale certamente per la revisione tecnica periodica. In generale, comunque, la mia impressione è che le istituzioni prestano attenzione alla ricerca e la prendono sul serio. Ad esempio, una volta che gli effetti positivi delle cinture divenne noto, le stesse istituzioni resero l'uso obbligatorio in molti Paesi.


FEMA:
Precisamente, per quanto riguarda Powered Due ruote,  lo studio SARTE4 ha concluso che "ci sono profili molto diversi rispetto alla demografia degli utenti, i tipi di moto usate e sulla condotta di guida [in Europa] - con una chiara distinzione tra l'uso delle motociclette nei Paesi del nord e del sud". Come potrebbe riguardare tutto ciò i periodici programmi di prova tecnica, ovvero le revisioni? Si può concludere che RWT dovrebbe essere adattata in base alle caratteristiche nazionali? Se è così? Perché e come?

E: Durante la progettazione dei sistemi di verifica tecnica, sarebbe probabilmente una buona idea applicare la conoscenza del modello nazionale di utilizzo dei veicoli a due ruote ed un motore. Dal momento che questi modelli differiscono da un Paese all'altro, il sistema per i controlli tecnici devono essere diversi. Si può, per esempio, pensare che uomini di mezza età con un buon reddito sono maggiormente in grado di mantenere le loro moto in buone condizioni rispetto agli uomini giovani che sono disoccupati, forse.


FEMA:
La proposta della Commissione europea introduce "frequenze minimali di controllo" con test sui primi quattro anni dopo la data in cui il veicolo è stato immatricolato per la prima, poi due anni e successivamente ogni anno per tutti i veicoli. Quali sono i vostri punti di vista sull'analisi dei rischi e dei costi/benefici ?

E: Questo sistema è identico a quello che oggi è praticato per le autovetture. Non abbiamo trovato alcun effetto sulla sicurezza legata all'ispezione periodica dei veicoli. Effetti sulle emissioni sono anch'essi molto incerti. È quindi probabile che i benefici dei controlli tecnici periodici siano inferiori ai costi sostenuti.


FEMA:
Secondo le statistiche citate dai costi/benefici elaborate dalla Commissione a sostegno della propria proposta, i motociclisti sono particolarmente a rischio di incidenti quando il loro veicolo presenta carenze tecniche e l'8% di tutti gli incidenti sono collegati a problemi tecnici. Sarebbe questo il concetto che si applica per la Norvegia? Avete trovato conclusioni simili nel vostro lavoro?

E: In generale, trovo che affermazioni circa la percentuale di incidenti che si dice siano "causati" da difetti tecnici siano completamente senza senso. Questa è veramente una sciocchezza. Si tratta di un quadro molto unilaterale. Non si possono mettere in relazioni gli incidenti dovuti a difetti tecnici, perché i piloti adeguano il loro comportamento e prendono le dovute precauzioni quando sanno che il loro veicolo ha difetti tecnici.


FEMA:
In pratica sta suggerendo che le relazioni nazionali sugli incidenti (che descrivono bene la situazione, le persone coinvolte, ecc) è incompleto?

E: Sì, la registrazione degli incidenti nelle statistiche ufficiali è stata fino ad ora incompleta e di parte per un lungo periodo. La tecnologia potrebbe contribuire a ridurre il problema, ma fino ad ora  non sembra ci sia molto interesse ad utilizzare tale tecnologia.


FEMA:
Che dire allora degli incidenti motociclistici? Crede che subiscano la stessa imprecisione?

E: Per quanto sappiamo, la differenza di incidenti non è rilevante per motocicli come per biciclette. A proposito, se si guardano i dati assicurativi norvegesi, si scopre che la percentuale di incidenti (incidenti per veicolo assicurato per anno) è quasi la stessa per tutti i tipi di veicoli a motore. Non è un caso che le moto siano più spesso coinvolte in infortuni denunciati alle imprese di assicurazione rispetto alle auto. E' semplicemente che, quando si verifica un incidente, il motociclista è meno protetto, rispetto al conducente auto e quindi si ha più probabilità di essere feriti. Se crediamo nelle statistiche assicurative norvegesi, questo spiega pienamente il tasso di infortuni più elevato dei motociclisti rispetto agli automobilisti.


FEMA:
Quindi, fondamentalmente a causa di dati incompleti e/o parziali relativi agli incidenti, oltre al fatto che in molti casi le statistiche vengono presentate da parti con chiari interessi commerciali, i responsabili politici stanno avendo difficoltà nel trovare adeguate misure sulla sicurezza stradale? Quale sarebbe il vostro consiglio alle istituzioni per quanto riguarda le statistiche relative ai trasporti ?

E: Sì, è vero che una migliore qualità dei dati e delle statistiche avrebbe aiutato nello sviluppo di efficaci misure di sicurezza stradale. D'altra parte, non dobbiamo dimenticare che grandi progressi sono stati compiuti comunque. Se guardiamo indietro al 1970, è chiaro che la sicurezza stradale è migliorata in modo impressionante in molti Paesi. Il mio consiglio per quanto riguarda le statistiche dei trasporti è, come ho già detto, di utilizzare le moderne tecnologie per raccogliere dati migliori.


FEMA : Grazie Dottor Elvik!

E: Credo che alcune misure inefficaci vengano adottate a seguito di pressioni da parte di interessi commerciali. Ciò vale sicuramente per la revisione tecnica periodica."

Condividi la notizia

Submit to FacebookSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Statistiche del sito

Statistiche dal 13/05/2012

 

histats