Dom25062017

Aggiornamento:Lun, 05 Giu 2017 11am

Back Sei qui: Home Notizie Notizie motociclistiche Leggi e normative Più Europa, più multe per tutti?

Più Europa, più multe per tutti?

multe estero

Il Parlamento Europeo mette fine all’impunità degli stranieri sulle strade: una nuova direttiva è stata appena licenziata a Bruxelles dopo anni di gestazione e modifiche: dopo il no della Corte di Giustizia e la creazione di una nuova base giuridica non ci sono più scuse. Multe per tutti!

BRUXELLES, 20 febbraio 2015 – Stavolta sembra che sia proprio la volta buona e l’impunità dei conducenti per le violazioni da loro commesse nel territorio di uno stato diverso dal proprio sarebbe sul punto di finire. Il parlamento europeo ha infatti approvato lo scorso 11 febbraio un insieme di regole (2014/0218-COD) per rendere effettivo un processo verbale di contestazione in ambito UE (cliccate qui).

Si tratta della versione definitiva di un pacchetto di regole restituito dal parlamento in sessione plenaria dopo una prima stesura inoltrata agli stati membri nel 2011 (la n. 2011/82/EU) e ora recepito anche da Regno Unito, Irlanda e Danimarca, che consentirà ad ogni paese dell’Unione di avere pieno accesso alle informazioni relative agli intestatari delle targhe. 

In particolare, i cambiamenti apportati dal parlamento forniscono una nuova base giuridica alla piattaforma, stavolta incentrata sulla sicurezza dei trasporti, così come richiesto lo scorso 6 maggio 2014 dalla Corte Europea di Giustizia, che aveva giudicato “non corretta” (caso n. 43/12) la precedente impostazione legislativa, fondata sulla semplice cooperazione di polizia. 

È stata proprio questa nuova base giuridica a consentire a inglesi, irlandesi e danesi di entrare a pieno titolo nel sistema, visto che i rispettivi diritti nazionali  non consentivano loro di condividere le nuove regole: entro il 6 maggio 2015 il Consiglio dei ministri europeo sottoscriverà la direttiva e questi paesi avranno due anni di tempo per recepire la norma e darle applicazione.

“Per riuscire a dimezzare la mortalità stradale – ha detto la relatrice della direttiva la spagnola Inés Ayala Sender – abbiamo bisogno di nuovi strumenti. 

Quando la norma sarà operativa tutti i cittadini europei saranno trattati allo stesso modo e dovranno sottostare alle leggi della circolazione ovunque si trovino. 

Contiamo molto sull’effetto dissuasivo delle nuove regole, perché ciascuno saprà che ad un’infrazione commessa all’estero seguiranno certamente l’identificazione, la notifica del verbale e la corresponsione di quanto dovuto”.

E per quali infrazioni sarà operativa questa sorta di “mandato” europeo lo dice chiaramente il testo appena licenziato dal parlamento europeo: eccesso di velocità, mancato uso della cintura di sicurezza e del casco, mancato rispetto del semaforo rosso, guida in stato di ebbrezza alcolica e da stupefacenti e guida in corsie preferenziali, di emergenza e zone a traffico limitato e, infine, uso del telefono. 

Sarebbe un vero toccasana, soprattutto per le casse del nostro paese, nel quale decine di milioni di euro vengono sottratte all’erario per le violazioni commesse da veicoli stranieri: non è un caso che negli ultimi anni sono proliferati i veicoli con targa estera che immigrati o italiani “furbetti” utilizzano quotidianamente per restare impuniti. 

Fonte: ASAPS

Commento del Coordinamento Italiano Motociclisti: iniziativa lodevole se il recepimento della Direttiva sarà omogenea in TUTTI gli Stati membri, ma temiamo che proprio il nostro troverà il sistema per “sanare” posizioni ambigue; non riusciamo nemmeno a punire degnamente barbari incivili che distruggono i beni artistici della capitale quando analoghi teppisti italiani in Paesi dell’Est  sono stati GIUSTAMENTE puniti per i loro atti incivili dal Paese in cui hanno dato il peggio della loro barbarie! 

Coordinamento Italiano Motociclisti
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

© Riproduzione concessa citando la fonte e il link all'articolo.

Condividi la notizia

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Statistiche del sito

Statistiche dal 13/05/2012

 

histats