Lun03082020

Aggiornamento:Lun, 15 Giu 2020 9pm

Back Sei qui: Home Notizie Notizie motociclistiche Leggi e normative La Svizzera non è l'Italia…ricordatevelo!

La Svizzera non è l'Italia…ricordatevelo!

PoliziaElvetica

Nelle barzellette degli anni '60 la figura del Vigile Urbano che con fare indagatore chiedeva cortesemente al trasgressore "concilia?" è ormai retaggio di un passato che forse non tornerà più. L'idea che si fa l'italiano medio è quella erronea che "tutto il mondo è Paese" per cui l'atteggiamento da "tarallucci & vino" possa superare la frontiera.

Così non è, e la cronaca è piena di episodi dove le conseguenze spesso rimangono come cicatrici che ben fanno ricordare la nostra spavalderia un po' da "armata Brancaleone"-

E' quello che forse penseranno i due motociclisti italiani fermati nei Grigioni, cantone svizzero dove sono stati fermati dalla Polizia Cantonale.

La loro velocità di percorrenza era al doppio del limite: viaggiavano rispettivamente a 160 e 169 km./ora  dove il limite è di 80 chilometri orari nella località denominata come Rona.

I due motociclisti italiani si sono quindi visti sequestrare i mezzi sul posto: ricordiamo che per queste infrazioni, in Svizzera è previsto il carcere, e non è una battuta; a volte vengono proposti lavori socialmente utili, se è la prima volta che contravvenite la multa non è salata, ma salatissima!

Superare il limite di velocità in Svizzera costituisce una grave violazione del codice stradale.

Coordinamento Italiano Motociclisti
Ufficio Comunicazione

Condividi la notizia

Submit to FacebookSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Statistiche del sito

Statistiche dal 13/05/2012

 

histats