Sab21042018

Aggiornamento:Mar, 03 Apr 2018 1pm

Back Sei qui: Home Notizie Notizie motociclistiche Mobilità Portare i bambini in moto

Portare i bambini in moto

BimbiInMoto

L’argomento interesserà sicuramente chi ha figli ed intende trasportarli regolarmente in moto: purtroppo in Italia la normativa è particolarmente lacunosa per non dire inesistente, e si limita ad un articolo del Codice della Strada che vale per "tutto" quanto si trasporti in moto, dalla sporta con il pane, al vostro amico peloso fido, nonché, i bambini per l'appunto.

Ci riferiamo all'articolo 170 del Codice della Strada che ritroviamo al Titolo V° dello stesso dove l'argomento va sotto la dizione di "norme di comportamento".

Citiamo, riportandolo, l'articolo in questione:

Art. 170. Trasporto di persone e di oggetti sui veicoli a motore a due ruote.

1. Sui motocicli e sui ciclomotori a due ruote il conducente deve avere libero uso delle braccia, delle mani e delle gambe, deve stare seduto in posizione corretta e deve reggere il manubrio con ambedue le mani, ovvero con una mano in caso di necessità per le opportune manovre o segnalazioni. Non deve procedere sollevando la ruota anteriore

1-bis Sui veicoli di cui al comma 1 è vietato il trasporto di minori di anni cinque.

2. Sui ciclomotori è vietato il trasporto di altre persone oltre al conducente, salvo che il posto per il passeggero sia espressamente indicato nel certificato di circolazione e che il conducente abbia un'età superiore a diciotto anni. 

Con regolamento emanato con decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti sono stabiliti le modalità ed i tempi per l'aggiornamento, ai fini del presente comma, della carta di circolazione dei ciclomotori omologati anteriormente alla data di entrata in vigore della legge di conversione del decreto-legge 27 giugno 2003, n. 151. 

3. Sui veicoli di cui al comma 1 l'eventuale passeggero deve essere seduto in modo stabile ed equilibrato, nella posizione determinata dalle apposite attrezzature del veicolo.

Fermo restando comunque l’obbligo di indossare un casco regolarmente omologato.

Però......hai capito.... certo che il legislatore ha fatto uno sforzo: ore ed ore di discussione profumatamente pagate dalla collettività per avere la classica montagna che ha partorito il topolino!, 

Per fortuna esiste una cosa che costa poco ma di cui c'è poca traccia ultimamente che si chiama "buon senso": in soldoni si può dire che, pur non essendo espressamente vietato, sarebbe meglio non trasportare i propri figli su una Suzuki Hayabusa 1300 anche se gli stessi arrivassero alle pedane, come sarebbe da evitare di trasportare i propri figli su un cinquantino, ancorché omologato per il trasporto del passeggero, ove questo non avesse pedane raggiungibili comodamente e men che meno trasportandoli in piedi sulla pedana davanti al conducente.

Stesso discorso vale per la velocità da tenere trasportando minori, ovviamente essa è generalmente stabilita dalle norme del Codice della Strada a seconda delle tipologie di strade, ma in ogni caso è consigliabile mantenere una velocità tale da poter prevenire qualsiasi imprevisto ed ovviamente evitare di esibirsi in sorpassi, ancorché consentiti, limitandosi a viaggiare tranquillamente tenendo la destra.

Altro discorso importante e non trattato dalla normativa riguarda l’abbigliamento protettivo e l’uso del casco.

Nella normativa si fa riferimento ad un generico uso del casco omologato, senza tenere conto della particolare struttura muscolo scheletrica di un minore che ha bisogno di un casco “adatto” alla sua conformazione e non semplicemente di un casco da adulto adattato.

Esistono ottimi caschi jet con visiera oppure caschi da minimoto integrali di ottima fattura, protettivi senza essere pesanti ed andare ad incidere pesantemente sul sistema muscolo scheletrico di un collo piccolo.

Purtroppo l’abbigliamento “tecnico” da bambini è particolarmente caro e quasi introvabile, a meno che non si tratti di abbigliamento da “gara”, quindi, ancora una volta, il buon senso deve lavorare al massimo! 

Quindi niente pantaloncini corti e canottiere ma sempre scarpe alte, pantaloni lunghi e braccia coperte, anche d’estate: l’asfalto brucia anche ad agosto, ed anche in caso di piccole cadute a bassa velocità avere la pelle scoperta è alquanto pericoloso, per non parlare di insetti e piccoli sassi.

Da questo punto di vista i tedeschi e gli olandesi sono avanti anni luce con linee di prodotti specifiche per i bambini, sia per quanto riguarda caschi ed abbigliamento che per quanto riguarda gli strumenti di ritenuta (seggiolini e cinghie) per il trasporto di minori in moto. 

Questi strumenti di ritenuta, per quanto tecnicamente omologati, in Italia non sono contemplati dalla normativa.

La colpa è di noi motociclisti italiani che ci "arrangiamo" invece di far valere un percorso legislativo condiviso, tranne poi gridare ai quattro venti quando il povero infante è bello "scorticato" e vive un incubo sanitario che lo marchierà per la vita.

Ci sarebbe molto da lavorare sul Nuovo Codice della Strada su questo punto, ma dubitiamo che in Parlamento vi siano motociclisti che hanno idea del problema: per fortuna esiste il web ed il buon senso che ci possono aiutare a comprare on line il corretto abbigliamento per i nostri piccoli andando (come sempre) ad aumentare il PIL di Nazioni come Germania ed Olanda!

Coordinamento Italiano Motociclisti
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

© Riproduzione concessa citando la fonte e il link all'articolo.

Condividi la notizia

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Statistiche del sito

Statistiche dal 13/05/2012

 

histats