Sab04042020

Aggiornamento:Gio, 13 Feb 2020 9am

Back Sei qui: Home Notizie Notizie motociclistiche Sicurezza Guidare scooter e moto in inverno

Guidare scooter e moto in inverno

MotoINverno

Uno dei temi più interessanti sulla guida invernale delle due ruote ed un motore è quello dei pneumatici invernali per le stesse: in Italia l’argomento non viene molto trattato, perché la direttiva del Ministero dei Trasporti Prot.RU\1580 del 16.01.2013, quella che descrive le linee guida per l’emissione delle ordinanze sulla circolazione stradale in periodo invernale e in caso di emergenza neve, esclude dall’applicazione i ciclomotori a due ruote e i motocicli. 

 

Nonostante ciò vi possono essere in vigore delle Ordinanze locali, in base alle quali i mezzi a due ruote a motore possono circolare solo in assenza di neve o ghiaccio sulla strada e di fenomeni nevosi in atto

In tali condizioni ne è vietata infatti la circolazione: ciò non toglie, tuttavia, che chi utilizza la moto o lo scooter in inverno farebbe bene a montare, quando disponibili, i pneumatici invernali. La guida di una due ruote esige, come per l’auto, una prudenza e un’attenzione permanente: la velocità ed il comportamento al manubrio devono essere sempre adattate alle condizioni stradali. 

Uno stile di guida, previdente e rispettoso, verso gli altri utenti della strada può salvare delle vite umane: in inverno, le condizioni di visibilità e delle strade sono mutevoli in quanto le giornate sono più corte, può calare la nebbia, ed è facile trovare del ghiaccio nei luoghi esposti e sui ponti per non parlare  della prima neve, tutte situazioni queste particolarmente pericolose per le due ruote.

Condizioni ottimali dello stato meccanico del motociclo sono indispensabili per una guida sicura: si raccomanda quindi un check-up completo presso un garage di fiducia per la verifica dello stato della batteria, molto sollecitata in questa stagione, dei freni, dell’impianto elettrico, del livello dei liquidi, dell’elettronica e delle luci. Particolare attenzione va data alla manutenzione ed al controllo della catena e dei pignoni facilmente attaccati dal sale. 

Il cupolino o il plexiglass, i parapiedi e i paramani contribuiscono al confort nella guida. Dove fosse possibile in realtà si consiglia di montare gomme invernali dal mese di ottobre fino a primavera: sul mercato esistono diversi pneumatici consigliati. La mescola di questi pneumatici, contrassegnati dalla sigla M+S, consente una migliore aderenza e un minor spazio di frenata con le basse temperature, ciononostante è più prudente rinunciare all’uso della moto e dello scooter quando le condizioni stradali sono precarie. 

Per un motociclista od uno scooterista, essendo meno protetto in caso d’incidente che un’automobilista, la qualità del suo equipaggiamento è fondamentale: non si può risparmiare quando si tratta della propria sicurezza. 

Un buon equipaggiamento si compone di:

  • Casco e visiera: casco integrale omologato con una buona ventilazione, con visiera doppia (pin-lock) per non farla appannare; un sotto-casco per proteggere la testa, collo e gola dal freddo e dal bagnato.
  • Giacche, pantaloni e paraschiena: è raccomandabile indossare abbigliamento specifico per motociclisti di pelle o di tessuto (Cordura, H2Out, Gore-Tex ecc…). Il paraschiena deve coprire tutta la colonna vertebrale: sul mercato sono disponibili anche tute per motociclisti con la protezione dorsale integrata.
  • Guanti: i guanti da moto sono preformati e studiati per proteggere la mano in caso di caduta, per l’inverno si consigliano quelli lunghi che coprono le maniche e con rinforzo laterale.
  • Stivali e copristivali: per proteggere i piedi contro le ferite, calzare sempre dei buoni stivali o delle scarpe alte speciali da motociclista rinforzate nei punti giusti. In inverno è raccomandato portare delle calze calde o riscaldanti o utilizzare dei copristivali.
  • Underwear, abbigliamento e manopole riscaldati: un buon abbigliamento underwear permette di mantenere la temperatura corporea. In commercio si trova anche dell’abbigliamento riscaldabile, come pure golette, pettorine e ginocchiere. Le manopole riscaldate sono un optional ormai in uso su molte motociclette e scooter: si possono avere di serie o come accessorio aggiuntivo.
  • Tute da pioggia e gilet riflettenti: il commercio offre molti prodotti, ma si consiglia di acquistare una tuta da pioggia di materiale resistente, possibilmente con una retina come fodera, altrimenti si appiccica addosso, meglio se colorata e con inserti reflex per una maggiore visibilità, altrimenti indossare un gilet riflettente.

Non solo il mezzo tecnico e l’equipaggiamento devono essere all’altezza, ma anche il conducente dev’essere sempre in piena forma

Se non si sente sicuro o manca d’esperienza, è consigliabile vivamente di frequentare un corso per guida di motocicletta

Oltre ad apprendere le tecniche di base, imparerà a reagire correttamente in situazioni d’urgenza (manovre di frenata e di scansamento), certo l’ABS può impedire una caduta in caso di frenata d’urgenza, ma è sempre la capacità individuale del pilota che fa la differenza sulle possibili conseguenze.

 In generale, d’inverno bisogna adottare uno stile di guida difensivo per assicurarsi un margine di sicurezza sufficiente. 

Nel caso di condizioni stradali precarie, è meglio scegliere un altro mezzo di trasporto.

Coordinamento Italiano Motociclisti
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Partecipate al nostro progetto per la tutela dei motociclisti :
http://www.derev.com/supportacim

© Riproduzione concessa citando la fonte e il link all'articolo.

Condividi la notizia

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Statistiche del sito

Statistiche dal 13/05/2012

 

histats