Gio24082017

Aggiornamento:Sab, 29 Lug 2017 7pm

Back Sei qui: Home Notizie Notizie motociclistiche Sicurezza La sicurezza dipende da noi!

La sicurezza dipende da noi!

AirbagMoto

Il sistema ad airbag integrato nel giubbotto ha aperto nuovi orizzonti alla sicurezza dei motociclisti: tutto sommato una tecnologia semplice come ideazione in quanto un cavetto d’attivazione ed una cartuccia caricata con una sostanza gassosa condensata, provvedono alla protezione attiva.

Montando in moto, una volta in sella si tratta di agganciare il cavetto flessibile al corpo del pilota, mentre l’altra estremità del cavetto viene agganciata al sistema di chiusura della cartuccia caricata con gas CO2 presente nella giacca. 

In caso di caduta, o di tamponamento il corpo del pilota allontanandosi dalla moto strappa il cavetto di fissaggio facendo aprire la cartuccia e in questo modo il sistema ad airbag si gonfia automaticamente in pochi millisecondi. 

La giacca o gilet airbag ammortizza notevolmente gli urti al torso proteggendo efficacemente così gli organi vitali del pilota, ossia la colonna vertebrale, il collo, le costole, la clavicola ed il coccige. Molti non sanno però che la giacca e il gilet airbag sono una invenzione ungherese esistente da tempo: il suo inventore è Straub Tamás

L’annuncio ufficiale risale al 1976, mentre la pubblicazione al 1977. I documenti originali dell’annuncio dell’invenzione li potete vedere qui. 

Se siete così curiosi potete richiedere una copia ufficiale in qualsiasi tempo all’Ufficio Brevetti Ungherese.

Al di là di questa metodica che è la più diffusa vi sono sistemi più sofisticati che non necessitano nemmeno del cavetto di connessione in quanto “dialogano” con la moto, ma in questo caso i costi aumentano decisamente.

Oltre alla protezione del dorso, della gabbia toracica, il sistema va a bloccare il collo sotto il casco garantendo così la protezione della posizione delle vertebre cervicali, causa di situazioni traumatiche decisamente compromissorie della vita del motociclista nei casi peggiori.

Perché il sistema fa fatica a diffondersi? Certamente per i costi ancora elevati, per quanto a ben pensare questa è una scusa belle e buona forse: molti motociclisti investono centinaia di euro per terminali di scarico più performanti, o per centraline elettroniche che migliorano le performance del motore, per non parlare poi di “accessori” esclusivamente “modaioli”…

Quindi è un problema di COSTI o di mancanza di COSCIENZA dei rischi della strada?

Ma non sarebbe anche il caso che le compagnie di assicurazioni facessero uno sforzo attivando delle “convenzioni” per favorire l’acquisto degli airbag per motociclisti a fronte di una riduzione del costo delle assicurazioni per i “coscienziosi”?

Il Coordinamento Italiano Motociclisti, nel suo piccolo, ai propri associati offre la possibilità di uno “sconto” per l’acquisto dell’airbag di una azienda leader del settore, ovvero questa.

Si avvicina Natale e questo sarebbe un acquisto responsabile ed utile ed in periodi di crisi investire sulla sicurezza è qualcosa che ci tornerà sempre in futuro: i dettagli della convenzione li trovate qui!

Coordinamento Italiano Motociclisti
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Partecipate al nostro progetto per la tutela dei motociclisti :
http://www.derev.com/supportacim

© Riproduzione concessa citando la fonte e il link all'articolo.

 

Condividi la notizia

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Statistiche del sito

Statistiche dal 13/05/2012

 

histats