Sab20102018

Aggiornamento:Mar, 03 Apr 2018 1pm

Back Sei qui: Home Notizie Notizie motociclistiche Leggi e normative

Un compromesso ragionevole raggiunto sulle revisioni per motocicli in sede UE.

ControleTecniqueIl 18 dicembre scorso, la Presidenza lituana dell'Unione Europea ha annunciato l'accordo con il Parlamento Europeo sulla controversa questione dei controlli tecnici dei motoveicoli che dovevano essere armonizzati a livello comunitario (si parlava di scadenza annuale obbligatoria, N.d.T.). 

Leggi tutto...

Il cellulare usato impropriamente uccide!

CellIularInAutoInvece di fare inutili ricorsi che indicano il livello di mala educazione raggiunto (la legge se sei nel torto va rispettata) sarebbe bene iniziare a perdere malsane abitudini! Il quesito che qualcuno pone va a ricercare la classica furbizia italica del tipo "per divieto di uso del cellulare alla guida sancito dall’art. 173 del Codice della Strada deve intendersi esclusivamente il divieto di conversazione o qualsiasi modalità di utilizzo del telefono cellulare?"

Leggi tutto...

Omicidio stradale: si fa sul serio?

IncidenteMotoNella riforma del Codice della Strada dovrebbe essere finalmente inserito questo reato: lo annuncia il sottosegretario ai Trasporti, Erasmo D'Angelis. «La riforma del Codice della Strada avrà come priorità la sicurezza e il sistema sanzionatorio cambierà radicalmente: non la passerà più liscia chi provoca incidenti mortali guidando in stato di ebbrezza o sotto gli effetti di droghe». 

Leggi tutto...

ISO 39001: norma sulla sicurezza stradale

ISOE' stata presentata a Bologna la nuova ISO39001, la norma per chi svolge ruoli di responsabilità nella gestione della sicurezza stradale, La norma è uno dei pilastri sui quali si basa lo “United Nations Decade of Action for Road Safety”, il programma dell’ONU che prevede di ridurre gli incidenti stradali entro il 2020.

Leggi tutto...

Riforma del Codice della Strada: si va avanti?!

CDS CopertLa volontà di rivedere la normativa del Codice della Strada è stata espressa prima dell'estate e per la precisione a fine luglio, poi le vicissitudini del teatrino della politica hanno spostato l'attenzione per il rischio di caduta del Governo, ed ora?

Leggi tutto...

Contrordine, compagni!

MulteCosì esordiva una vignetta sul Candido noto giornale del mai troppo compianto Giovannino Guareschi ed oggi il rimbalzare di decreti, normative, sigle di nuove tasse che hanno nella fantasia italica una chiara origine (paga, e TASI!), aiuta la confusione. L'ultima è sulle multe per divieto di sosta.

Leggi tutto...

Blocchi del traffico per lo smog: basta con il CAOS!

CaminCheFumanoIl problema dell’inquinamento da micropolveri (PM10) è noto e TUTTI gli anni si ripropone come “tormentone” autunnale, con la conseguente legislazione locale dove sembra che ogni Amministrazione italiana faccia a gara per creare il caos negli orari di chiusura dei centri urbani e per le specifiche delle categorie interessate.

Leggi tutto...

Semafori con il calibro per il pelo ed il contropelo!

CalibroQuello che da fastidio in un Paese come questo è quando l'amministrazione pubblica nell'applicare la norma diventa "svizzera" in quanto a precisione, peccato che la stessa si comporti da "quaqquaraqqua'" a piè sospinto quando l'utente medio ha bisogno di risposte "precise"da parte della stessa!

Leggi tutto...

Reato di omicidio stradale: sosteniamo l'iniziativa!

OmicidioStradaleIl CIM è impegnato nella tutela dei diritti dei motociclisti, a partire dal diritto alla sicurezza. Diritto che può essere ottenuto solo in presenza di una adeguata infrastruttura sulle strade (come i guard-rail salva motociclista) e da leggi che sanzionino duramente chi non si comporta correttamente alla guida di un autoveicolo (o motoveicolo).

Leggi tutto...

Rinnovo patente: sparisce il bollino adesivo

patenteSulla Gazzetta Ufficiale del 2 ottobre è stata pubblicata la nuova procedura per il rinnovo delle patenti di guida mediante un decreto del Ministero dei Trasporti.

Leggi tutto...

Multe in base al reddito? Ci sarebbero molte sorprese...

MulteUna proposta di legge presentata in Parlamento, se approvata come tale, imporrebbe il pagamento delle sanzioni relative al Codice della Strada in base al proprio reddito dichiarato. La proposta di pagare le sanzioni secondo il reddito e la cilindrata della macchina presenterebbe alcuni problemi non da poco. Il sistema è già praticato in Scandinavia ma da noi la cosa presenterebbe delle indubbie difficoltà. 

Leggi tutto...

Esperimento Guida Moto

patenteDopo gli articoli precendenti (13 giugno 2013, 28 febbraio 2013 e 1 febbraio 2013) dove avevamo vissuto con quanta fatica le nuove normative europee in merito agli esami per le patenti A venissero applicate in Italia, ho voluto sostenere l'esame ESPERIMENTO GUIDA MOTO per convertire la mia patente B conseguita nel febbraio 1997 e quindi valida per la guida di moto, senza limitazioni alcune, ma solo in territorio italiano, in una patente A valida per la guida di motoveicoli, senza limitazioni alcune, anche nei paesi dell'UE.
Vi racconto com'è andata.


A giugno 2013 mi sono deciso di andare alla motorizzazione civile di Milano per prenotare la prova ESPERIMENTO GUIDA MOTO, dopo pochi minuti di attesa allo sportello, l'operatore mi consegna la modulistica da compilare e i bollettini sui quali effettuare i versamenti previsti, che da agosto 2013 sono aumentati rispettivamente a 16,00 e 24,00 Euro. L'appuntamento per l'esame lo fisseranno quando tornerò con le ricevute dei versamenti effettuati e mi avvisano che sarà lunga perché c'è tanto da spettare.

Vado in posta a pagare i miei bollettini e torno allo sportello con tutta la documentazione compilata.

L'esame mi è stato fissato il 27 settembre 2013 alle ore 9.00. Passano le vacanze e anche l'estate, ma finalmente arriva il 27 settembre.

Nel frattempo sono state emanate alcune circolari del Ministero dei Trasporti, per facilitare l'attuazione degli esami e un decreto che recepisce le imposizioni Europee in merito all'attuazione e le modalità d'esecuzione dell'esame per la patente A.

In particolare si legge all'articolo 3:
Abbigliamento tecnico del candidati
1. Al fine di tutelare l'incolumità dei candidati, gli stessi, durante l'esecuzione delle prove di cui agli allegati 1, 2, 3 e 4 del presente decreto, indossano:
a) casco integrale;
b) guanti;
c) giacca con protezione dei gomiti e delle spalle;
d) scarpe chiuse;
e) pantaloni lunghi e protezioni delle ginocchia

In osservanza di quanto richiesto dalla legge, mi vesto con tutto il mio abbigliamento omologato che uso quotidianamente... e per non sbagliare, indosso anche il paraschiena omologato. Come ogni giorno.

Arriva l'esaminatore e, dopo aver controllato documenti e modulistica, mi chiama per primo ad effettuare la prova. Ha già l'aria e il fare scocciato alle 9 di mattina, cominciamo bene. Son curioso di vedere se si attengono alle circolari di aggiornamento o se ogni esaminatore è libero di "interpretare" le direttive.

Fase 1) Posizionamento della moto a spinta sulla linea di partenza dello slalom e stazionamento sul cavalletto centrale. Non mi chiede nulla sulla moto e sul suo funzionamento.

Fase 2) Slalom tra 5 birilli e percorrenza oraria di mezzo otto. Si raccomanda solo di non abbattere i birilli.

Fase 3) Percorrenza di un corridoio rettilineo alla velocità di almeno 30km/h. Stranamente l'esaminatore mi chiede di percorrerlo alla minore velocità possibile, chiedendomi di simulare un passaggio stretto in un corridoio rettilineo. Mi impegno a percorrere il corridoio alla minore velocità possibile aiutandomi con freno posteriore e frizione, ma immaginare di guidare in un passaggio stretto passando tra birilli posizionati a 120cm di distanza, proprio non ci riesco.

Fase 4) Partenza da fermo, accelerazione e scarto di un ostacolo rappresentato da un castelletto di birilli. La prova dovrebbe essere effettuata alla velocità minima di 30km/h ma nessuno ha gli strumenti per le misurazioni.

Fase 5) Partenza da fermo e prova di frenata da ripetersi due volte.

Potete vedere il video dell'esame cliccando QUI.

L'esame si conclude e l'esaminatore mi invita a recarmi ad un non meglio precisato "ufficio al primo piano" per chiedere quando e come ritirare il verbale della prova, rimanendo vago sull'esito.

Bene, saluto e mi reco al primo piano. Non essendoci indicazioni in merito, provo a chiedere ai presenti nella sala d'aspetto se sapessero dove andare a chiedere ma nessuno sa rispondere. Provo a bussare alla porta chiusa di un ufficio dove mi apre una signora. Chiedo cortesemente "Buongiorno, mi scusi posso chiederle dove posso andare per avere informazioni sull'esame appena svolto ESPERIMENTO GUIDA MOTO?"

La risposta è stata "No" e mi chiude la porta in faccia. Hai capito la "signora"? Faccio appello a tutte le mie forze per restare calmo, anche se mentalmente l'avevo già defenestrata. Le persone della sala d'aspetto mi guardano con occhi sgranati ed increduli per quanto successo. Sembrava una candid camera. Vado oltre.

Busso a tutte le porte di un corridoio dove i pochi impiegati in giro sembravano scappare in cerca di rifugio alla mia vista. Possibile che non siano abituati a vedere un motociclista vestito da motociclista? Alla fine, un'impiegata, non trovando vie di fuga, mi risponde che non sa nulla e di provare a chiedere al signore alla macchina fotocopiatrice che è un esaminatore anch'egli.

Mi armo di santa pazienza e ripeto la domanda ancora una volta. L'esaminatore mi indica un ufficio senza troppo garbo e spazientito per aver dovuto interrompere le sue fotocopie. Alla fine trovo due impiegate che guardandosi negli occhi in cerca di conferme reciproche, mi dicono, neanche troppo convinte, di passare tra una quindicina di giorni per "vedere" se l'esaminatore ha depositato il verbale della prova.

Così è come funzionano le cose alla motorizzazione civile di Milano.

Prove pratiche interpretate arbitrariamente da esaminatori scocciati già di prima mattina, indicazioni pressoché inesistenti, maleducazione degli impiegati e voglia di lavorare...saltami addosso! E pensare che la motorizzazione civile è un ufficio pubblico, dove gli impiegati ricevono lo stipendio anche grazie alle tasse dei cittadini. Tutti. Motociclisti compresi.

Infine scopro di essere stato abilitato all'ESPERIMENTO GUIDA MOTO.

Mi sorge però un dubbio: me lo sarò meritato? A pensare agli altri esaminandi della giornata sprovvisti chi di guanti e chi di protezioni... credo che un esame così lo possa passare chiunque.

Guida Sicura Urbana

 

Revisione annuale dei motoveicoli: a che punto siamo?

UE FlagDopo un'estate abbastanza tranquilla, i politici, almeno in Europa, sono tornati alle loro scrivanie per mettersi al lavoro. Questo è quindi il momento ideale per fare il punto della situazione per quanto riguarda il controllo tecnico o revisione annuale.

Leggi tutto...

Condividi la notizia

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Statistiche del sito

Statistiche dal 13/05/2012

 

histats