Mar24052022

Aggiornamento:Mar, 23 Nov 2021 4pm

Spadino »

spadino1
Memorial Spadino dal 1999 ad oggi

Guard Rail »

guard rail
I guard rail non fanno distinzioni!

Pedaggi moto »

pedaggio1
lottiamo contro i pedaggi ingiusti

Dossier Bidentina »

infrazione1
la sicurezza non è un limite!

Partecipa al CIM »

vogliamote1
Uniti per difendere i nostri diritti
Back Sei qui: Home Notizie

Notizie dal Coordinamento Italiano Motociclisti

Bollo moto storiche: le Regioni fanno di testa loro…

RegionePiemonteA pochi mesi dall’entrata in vigore della legge di stabilità, che tra le tante cose ha ridimensionato la tassa di proprietà per i mezzi storici, portando a trentanni di anzianità la soglia per l’esenzione, le Regioni stanno ridimensionando la scelta del Governo Centrale con "distinguo" che rendono il Paese fortemente frammentato, con buona pace dell’eguaglianza dei cittadini.

Alcune Regioni poi, non sanno ancora che pesci pigliare e prendono tempo: una situazione disarmonica certamente, ma le decisioni di alcune Regioni di applicare la norma in modo differente da quanto stabilito dalla Legge di stabilità, la dice lunga sull’assurdità della decisione, che se applicata alla lettera va a colpire un settore della nostra economia molto peculiare.

Leggi tutto...

Conoscere meglio il Codice della Strada: l’art.170 - seconda parte

ChipsAbbiamo visto alcuni commi dell’articolo che stiamo esaminando, ma per noi motociclisti questa parte del Codice della Strada ci tocca in altre situazioni e sono ancora altri i commi da esaminare.

Ricordiamo che l’articolo 170 ha come argomento il “Trasporto di persone e di oggetti sui veicoli a motore a due ruote”.

Quindi parlando di persone, i bambini rientrano nella categoria, ma quali sono i limiti in questo senso?

Leggi tutto...

Conoscere meglio il Codice della Strada: l’art.170 - prima parte

VigileBimboIn attesa del “rinnovato” Codice della Strada che ricordiamo è in itinere nel “palazzo” da almeno un paio d’anni, sarebbe giusto elevare la conoscenza di quello attuale soprattutto per quelle componenti dello stesso che toccano la condizione dell’essere “motociclisti”.

Nel caso di contestazione di una violazione del Codice della Strada la sequenza da prendere in analisi è una “cascata” che parte dall’ipotesi d’infrazione, che da’ luogo alle sanzioni previste, al pagamento della stessa, al termine per il pagamento, quindi se prevista, la decurtazione dei punti patente, ed eventualmente alle sanzioni accessorie.

Leggi tutto...

Più Europa, più multe per tutti?

multe esteroIl Parlamento Europeo mette fine all’impunità degli stranieri sulle strade: una nuova direttiva è stata appena licenziata a Bruxelles dopo anni di gestazione e modifiche: dopo il no della Corte di Giustizia e la creazione di una nuova base giuridica non ci sono più scuse. Multe per tutti!

Leggi tutto...

Le illusioni di fiducia in moto

mago illusionistaMolti incidenti della strada che coinvolgono le motociclette nascono dalla “illusione di attenzione”, ovvero dalla “disattenzione visiva” che il nostro cervello subisce facilmente per cui la classica frase del “non l’avevo visto” compare con costanza.

Lo studio degli psicologi americani Chabris e Simons, noti per l’esperimento del “Gorilla invisibile” non si ferma a questo genere di “illusione” responsabile di parecchie infauste conseguenze, ma anche della cosiddetta “illusione di fiducia”, situazione questa, che noi motociclisti italiani conosciamo molto bene, certamente!

Leggi tutto...

“Ma motocyclette est née en 1969…”, una storia di passione e di libertà!

Motard 69La battaglia per la difesa della libertà di circolazione delle due ruote a Parigi si è infiammata: le autorità non vogliono cedere e mantenere la loro posizione illogica, cosa che genera una protesta ancora più ferma da parte dei motociclisti francesi.

Comprendere cosa significhi la passione del motociclismo dei francesi è cosa difficile: se volete tentare di capirlo, dovete venire al Memorial Spadino organizzato da CIM-GEIE e FFMC in Valle d’Aosta dove se due gocce dal cielo bastano per fermare la volontà di molti italiani, nemmeno la neve ferma i transalpini che passano il tunnel del Bianco per venire a testimoniare la solidarietà di un italiano in moto.

Il rapporto è devastante, di norma, per un italiano ci sono tre francesi, il che la dice lunga!

Ma quella che riportiamo è la lettera-testimonianza di un motociclista francese che ben riassume cosa incarna questa passione, sicuramente non “modaiola” data la vetustà del mezzo, ma lasciamo volentieri la parola all’amico d’oltralpe il cui sito potetetrovare qui.

Leggi tutto...

Diversi modi di intendere moto, sicurezza e passione, Italia vs. Francia…

CombienDeTempsMentre in Italia la “confindustria” delle due ruote ed un motore lancia una campagna pubblicitaria con l’intenzione di “mettersi in moto” (con buona pace si chi già usava questo “slogan” per le vacanze in moto), in Francia la problematica della sicurezza relativa alla circolazione stradale ha ben altro spessore ed impatto.

E’ questo un approccio differente che possiamo constatare su molti aspetti della vita sociale, dove Nazioni come Francia, Germania, Gran Bretagna tendono a portare messaggi crudi, diretti, vere coltellate allo stomaco dello spettatore, mentre in Italia si tende a “sfumare” il messaggio per timore di creare delle suscettibilità, finendo così di sminuirne l’impatto, a volte.

Leggi tutto...

Manifestazione FFMC a Parigi: 3000 motociclisti contro il fermo della circolazione

ffmc parigiI motociclisti hanno sfidato il freddo nella capitale per manifestare l'8 febbraio, tra la piazza del castello di Vincennes (94) ed il Municipio di Parigi.

Si sono radunati in seguito all'appello del FFMC Paris Petite Couronne (FFMC PPC) per protestare contro il probabile divieto di circolazione di moto e scooter. Questo 8 febbraio, dopo la chiamata del FFMC Paris-Petite-Couronne, è avvenuta una grande mobilitazione, come ai vecchi tempi. Circa 3.000 manifestanti, secondo gli organizzatori, sono scesi contro il divieto di transito nella capitale, minacciato dal comune.

Leggi tutto...

Siamo in guerra, è vero…ma..

SiamoInGuerraIl clamore per l’attentato alla redazione di un giornale satirico a Parigi è ormai calato ed è giusto fare alcune riflessioni: molto si è detto (forse anche troppo), e come sempre su questi fatti, nell’immediato, prevale l’emozione, il sentimento più che la ragione.

Tra le tante frasi una che colpisce è quella che ha dichiarato che “siamo in guerra….” ed è il neo auto-dichiaratosi "stato islamico" il nemico identificato come tale.

Leggi tutto...

Sicurezza, una parola e basta?

OrienteSu moltissimi blog, su riviste stampate, in ogni ambito che si occupa di motociclismo la parola d'ordine è SICUREZZA.

Giusto, anzi sacrosanto, ma è veramente così, cioè la maggioranza di chi va in moto comprende di cosa si sta parlando?

 

Leggi tutto...

Un forum di grande rilievo dei motociclisti europei per la sicurezza stradale!

FEMA logoIn data 3 febbraio 2015 è stato organizzato dalla Federazione delle Associazioni europee Motociclisti (FEMA) un forum dei motociclisti europei, conclusosi presso il Parlamento europeo, con una tavola rotonda relativa ai risultati del progetto RIDERSCAN

Co-finanziato dalla Commissione Europea, il progetto RIDERSCAN raccoglie informazioni esistenti sulla sicurezza dei motocicli in Europa, individua le esigenze per l'azione conseguente e crea una rete basata sulla conoscenza transfrontaliera.

Leggi tutto...

Francia: un altro mondo è possibile, la circolazione per interfile per motociclisti è legale!

InterfileL'informazione circolava da tempo e ne avevamo fatto in passato resoconti specifici traducendo parte della stampa di settore della nazione transalpina, ora la notizia è ufficiale e ve la riportiamo.

In Francia, ora, per le moto la  sperimentazione per la circolazione tra le file di automobili sulle autostrade è stata annunciata ufficialmente dal Ministero degli Interni.

 

Leggi tutto...

Lampeggi "editoriali"....ovvero, sfruttando il "blog"...

VerdoneMancano pochi giorni al termine per aderire alla nostra iniziativa, al nostro progetto di difesa della categoria motociclistica nazionale, o forse quando leggerete queste righe sarà già scaduta, e questa che segue è una mia riflessione totalmente personale fatta alla luce dei dati riassuntivi dell'iniziativa, sia chiaro.

Poco importano comunque i termini temporali, quello che contano sono i fatti, e questi indicano che l’intenzione del CM prima e del CIM dopo, si è scontrata con la poca sensibilità di chi in Italia va in moto o in qualche modo si ritiene motociclista.

 

Leggi tutto...

Sottocategorie

Statistiche del sito

Statistiche dal 13/05/2012

 

histats